Inghilterra

Londra

Manoscritto di Alice nel paese delle meraviglie alla British Library

Targa commemorativa nel Poets’ Corner della Westminster Abbey

Ritratto di Alice Liddell nella National Portrait Gallery


Oxford, Oxfordshire

Oxford è la città dove Lewis Carroll (pseudonimo di Charles L. Dodgson) visse gran parte della sua vita. Studiò al Christ Church College e in seguito insegnò matematica nella stessa istituzione.
Ogni anno, a inizio luglio Oxford celebra l’Alice’s Day organizzando una serie di feste a tema, tra cui sfilate in costume e Mad Tea Party.

Christ Church College

Christ Church uno dei college che fa parte dell’Università di Oxford. Venne fondato nel 1546 e ospita al suo interno la cattedrale della città dove si svolgono anche le funzioni religiose dell’università. Charles Dodgson dapprima studiò in questa università, poi diventò insegnante di matematica negli anni in cui a ricoprire il ruolo di decano era Henry George Liddell, suo amico e padre di Alice Liddell, ispirazione per la protagonista del romanzo.
Sembra che lo scrittore sia stato ispirato da numerosi scorci del college per gli scenari di Alice in Wonderland,
Nella sfarzosa Hall in stile rinascimentale – che ha fatto da modello anche per la grande sala di Hogwarts nei film di Harry Potter – ci sono una serie di vetrate, realizzate nel 1985, che omaggiano Alice in Wonderland. Si possono riconoscere la protagonista e Alice Liddell, figlia del decano Liddell che ispirò lo scrittore, il Bianconiglio, il Cappellaio Matto, lo Stregatto, il Ghiro, la Regina di Cuori e altri personaggi.
Vicino al caminetto, inoltre, si notano due alari che rappresentano figure dal collo lungo: si dice abbiano ispirato Carroll per la scena del capitolo 5 in cui ad Alice si allunga il collo.
Nella biblioteca del Christ Church College si trova anche la Lewis Carroll Collection, una raccolta di manoscritti originali, lettere autografe e disegni dello scrittore. Purtroppo non è accessibile se non a studiosi, ma è stata parzialmente digitalizzata e si può consultare a questo link.
Nel college si trova anche porticina che ha ispirato quella di ingresso a Wonderland: mette in collegamento il Cathedral Garden con il Deanery Garden (giardino del decano). In quest’ultimo c’è un albero che si dice essere stato la fonte di ispirazione per il Cheshire Cat’s Tree (Albero dello Stregatto) del romanzo (secondo altri studi, pare che l’albero che ispirò lo scrittore fosse a Croft-on-Tees).
Sito: chch.ox.ac.uk
Ingresso: a pagamento

Alice’s Shop

Proprio di fronte al Christ Church Meadow si trova l’Alice’s Shop, l’unico negozio originale dedicato ad Alice nel Paese delle Meraviglie. È ospitato all’interno di un edificio storico risalente al XV secolo che in epoca vittoriana fu un negozio di dolciumi: ed era proprio qui che Alice Liddell veniva a fare acquisti da bambina. Questo negozio è stato inoltre d’ispirazione per le illustrazioni realizzate da John Tenniel del curiosity shop nel quinto capitolo di Attraverso lo specchio.
Sito: aliceinwonderlandshop.com
Indirizzo: 83 St Aldate’s, Oxford

Museum of Natural History

Lewis Carroll faceva spesso visita al museo di storia naturale con le sorelle Liddell. Tra le attrazioni di maggior interesse ci sono i resti di un Oxford Dodo e un dipinto del pittore olandese Jan Savery che riproduce l’aspetto originale dell’animale ormai estinto.
Indirizzo: Parks Road, Oxford 
Ingresso: gratuito

Museum of Oxford

In questo piccolo museo sulla storia della città sono esposti alcuni oggetti appartenuti a Lewis Carroll e Alice Liddell.
Indirizzo: Oxford Town Hall, St Aldate’s, Oxford
Sito: museumofoxford.org
Ingresso: gratuito

Folly Bridge

L’idea per Alice in Wonderland nacque il 4 luglio 1862 durante un’escursione in barca a remi sul Tamigi da Oxford a Godstow. Tra gli altri passeggeri c’erano le figlie del decano Liddell. In particolare Alice, che all’epoca aveva 10 anni, chiese a Carroll di raccontarle una storia. Così lo scrittore iniziò a inventarsi sul momento le disavventure di una ragazzina chiamata Alice che finisce in un mondo magico, una storia che in seguito scriverà come regalo per la bambina e poi pubblicherà in forma estesa con il titolo Alice in Wonderland. Quel giorno Carroll e gli amici partirono da un molo sul Folly Bridge dove tuttora c’è un servizio (Salter’s Steamers) che offre barche a noleggio (o viaggi in battello) per rivivere un’esperienza analoga a quella dello scrittore.

St. Margaret’s Well

Il pozzo che ha ispirato la storia raccontata dal Ghiro ad Alice nel quinto capitolo di Alice in Wonderland si trova a nord di Oxford, in località Binsey, nei dintorni della St. Margaret’s Church. In passato le acque che sgorgavano da questo pozzo erano ritenute benefiche e curative, perciò durante il medioevo era diventato meta di pellegrinaggi.
Indirizzo: St. Margaret’s Church, Binsley, Oxford


Daresbury, Cheshire

Lewis Carroll nacque nel piccolo villaggio di Daresbury, figlio del reverendo Charles Dodgson, rettore della All Saints’ Church, e di Frances Jane Lutwidge. Il futuro autore di Alice in Wonderland visse qui gli anni della sua infanzia, dal 1832 al 1843, anno in cui la famiglia si trasferì a Croft-on-Tees nel Yorkshire, quando il padre ottenne l’incarico di vicario nella parrocchia locale e arcidiacono di Richmond.

Lewis Carroll Birthplace

Lewis Carroll, nato Charles Lutwidge Dodgson, nacque in una canonica circa 2,5 km a sud-est del villaggio di Daresbury. L’edificio, che si trova lungo l’attuale Morphany Lane, fu distrutto da un incendio negli anni Ottanta dell’Ottocento, per cui rimangono solo i resti delle fondamenta e una stele commemorativa. Dove si trovava l’ingresso della canonica oggi è indicato da un arco in ferro, mentre in prossimità del retro della canonica si trova ancora oggi un pozzo con un coperchio in ferro battuto che rappresenta un ghiro.
Si raggiunge dalla All Saints Daresbury Church in 45 minuti a piedi, seguendo un percorso (disponibile sul sito del Lewis Carrol Centre) che presumibilmente percorreva lo scrittore da ragazzo. Adiacente al sito si trova il Lewis Carroll Centenary Wood, un parco con specie miste di latifoglie e uno stagno, acquisito nel 2000 dal Woodland Trust.
La canonica era stata costruita nel 1820 su un terreno di proprietà della chiesa. Aveva sette camere da letto, due cucine, un parlour, una sala da pranzo, uno studio e un’aula ascolastica. I genitori dello scrittore vi si trasferirono nel 1827, appena sposati, e l’anno successivo nacque il loro primo figlio dei dieci che avranno, tutti nati in questa casa. L’edificio, pur essendo molto ampio, deve essere stata anche molto affollato e rumoroso: oltre ai dieci figli (lo scrittore fu il terzo), vi abitavano alcuni domestici e tre alunni del Reverendo Dodgson.
La famiglia Dodgson visse in questa casa per 16 anni, dal 1827 al 1843.
Lewis Carroll rievocherà la sua casa natale,piuttosto isolata e immersa nella campagna, nella poesia Faces in the Fire, scritta all’età di 27 anni: “An island farm, ‘mid seas of corn, / Swayed by the wandering breath of morn, / The happy spot where I was born’”.

Lewis Carroll Centre

Il Lewis Carroll Centre è stato inaugurato nel 2009 in un piccolo edificio semi circolare, moderna estensione della All Saints Church di Daresbury. All’interno alcuni pannelli raccontano il legame della famiglia con il paese.
Nella chiesa invece si trovano alcune vetrate colorate, realizzate da Geoffrey Webb ispirate alle illustrazioni di sir John Tenniell, che raccontano la vita di Lewis Carroll. Furono realizzate nel 1932 grazie a una raccolta fondi per celebrare il centenario della nascita dello scrittore.


Croft-on-Tees, Durham

La famiglia Dodgson si trasferì da Daresbury a Croft-on-Tees nel 1843 quando il padre venne nominato arcidiacono di Richmond e vicario della chiesa del paese, la St. Peter’s Church. La famiglia visse qui per 25 anni fino alla morte del capofamiglia nel 1868. Il futuro scrittore tuttavia lasciò il paese molto prima, per andare a studiare dapprima a Richmond, poi a Rubgy (dal 1845) e infine a Oxford (dal 1851).

St Peter’s Church

Nella chiesa del XII secolo, sopra gli stalli di pietra per gli officianti, si trova la scultura di un felino che ride, ben visibile dai fedeli che si inginocchiano per pregare. Si pensa che sia una probabile ispirazione per lo Stregatto.
Nella chiesa inoltre è affissa una targa commemorativa che ricorda lo scrittore e il fatto che trascorse l’infanzia a Croft-on-Tees come figlio del rettore della chiesa.
Nel cimitero della chiesa sono sepolti i genitori dello scrittore.
Indirizzo: 2 Monkend Terrace, Croft-on-Tees


Guildford, Surrey

The Chestnuts

Questo edificio (oggi proprietà privata, non accessibile) fu preso in affitto dallo scrittore a partire dal 1868 per dare un tetto alle sei sorelle nubili. Nonostante vivesse a Oxford, dove insegnava matematica, Carroll veniva in visita spesso a Guildford, facilmente raggiungibile da Oxford. Morì in questa casa il 14 gennaio 1898 e fu sepolto nel vicino Mount Cemetery. Le sorelle tuttavia continuarono a vivere in questa casa fino al 1919.
Sull’edificio si trova una targa blu che recita: “The Chestnuts – This handsome red-brick and slate house with its large Tuscan style porch on the south front was built circa 1800 on the site of the Bedern, the house for priests from the nearby Minster in medieval times. The coach-house was restored in 2003.”
Indirizzo: 3 Castle Hill, Guildford

Tomba dello scrittore nel Mount Cemetery

Lewis Carroll morì a Guildford il 14 gennaio 1898 e fu sepolto nel Mount Cemetery della St. Mary’s Church. La sua lapide, a forma di croce e ben indicata da una targa, è circondata da altre tombe dei membri della famiglia Dodgson.
Indirizzo: The Mount, Guildford

Guildford Museum

Il museo, oltre ad approfondire la storia della città con foto e illustrazioni d’epoca, espone alcuni oggetti appartenuti a Lewis Carroll e alla sua famiglia.
Indirizzo: Castle Arch, Quarry St, Guildford
Ingresso: gratuito

Statua di Alice in Alice nel paese delle meraviglie

Una statua che raffigura la scena iniziale di Alice in Wonderland si trova nel parco lungo il fiume Wey. Raffigura Alice con la sorella e a poca distanza il bianconiglio che corre via.
Indirizzo: parco tra Millmead e il fiume Wey, Guildford

Statua di Alice in Attraverso lo specchio

Nei dintorni del castello di Guildford (Castle Grounds) si trova una statua che rappresenta Alice che attraversa lo specchio.
Indirizzo: Guildford Castle, Castle Street, Guildford

Stati Uniti

New York

Statua e fontana di Alice nel paese delle meraviglie a Central Park