Alessandra Mastroleo
Studiare lingue era forse un facile pretesto per viaggiare ancora di più, un biglietto con destinazione "mondo". Il Giappone, col suo criptico universo di ideogrammi, e l'Irlanda, di prati smeraldo e cieli malinconici, le mete preferite. In valigia curiosità e sogni impossibili. Dopo il fortuito accesso a un'enorme biblioteca ho scoperto la seducente mania ossessivo compulsiva di riordinare e spolverare libri. Ora lavoro in editoria e dedico quel che resta del tempo libero ai viaggi letterari.
1 2 3 8