Karel Čapek


Scrittore, drammaturgo e giornalista ceco (1890-1938) esordì nel 1920 con la commedia Loupežník (“Il malandrino”). Lo stesso anno scrive il dramma R.U.R. (“I robot universali di Rossum”), suo dramma più famoso. Tra le sue opere si ricorda anche il racconto lungo Továrna na absolutno (“La fabbrica dell’assoluto”), la piece Věc Makropulos (“L’affare Makropulos”) che ispira anche l’opera lirica omonima di Leoš Janáček e le opere Povídky z jedné kapsy (“Racconti di una tasca”) e Povídky z druhé kapsy (“Racconti dall’altra tasca”). Morì a Praga nel 1938 e fu sepolto nel Cimitero di Vyšehrad.

Tomba del Cimitero di Vyšehrad

Václav Havel

Teatro della balaustra (Divadlo Na zábradlí)

Lavorò come macchinista dal 1960 nei teatri Divadlo ABC e Divadlo Na zábradlí. In quest’ultimo furono rappresentate le sue prime tre opere come Zahradní slavnost (“Festa in giardino”, 1963), Vyrozumění (“Il memorandum”, 1965) e Ztížená možnost soustředění (“Difficoltà di concentrazione”, 1968).
Indirizzo: Anenské náměstí 5, Praga

Franz Kafka

Milan Kundera

L’autore, originario di Praga, ambienta nella città il suo romanzo più famoso, L’insostenibile leggerezza dell’essere, scritto nel 1982 ma ambientato nel 1968, durante la cosiddetta “Primavera di Praga”. Molte scene hanno come sfondo luoghi noti, tra cui, ad esempio, la collina di Petřín e la Città Vecchia.

Università Carolina di Praga

Qui Kundera ha frequentato la Facoltà di Arte, seguendo corsi in Letteratura ed Estetica, ma non si è mai laureato, abbandonando gli studi per iscriversi alla Academy of Performing Arts in Prague.
Indirizzo: Ovocný trh 3-5, Praga

Academy of Performing Arts in Prague

Kundera vi ha frequentato corsi di cinema e sceneggiatura. In questa scuola hanno studiato anche famosi registi come Milos Forman e Emir Kusturica.
Indirizzo: Malostranské náměstí 259/12, Praga

Café Slavia

Nel centro di Praga si trova questo caffè letterario noto per essere stato il punto di ritrovo del gruppo di dissidenti Charta 77 e di numerosi artisti e intellettuali, tra cui Milan Kundera.
Indirizzo
: Smetanovo nábeží 1012/2, Praga

Jaroslav Hašek

Scrittore ceco (1883-1923), noto soprattutto per il romanzo Il buon soldato Sc’vèik.

Monumento dedicato a Hašek

Realizzato nel 2005 da Karel Nepraš e alla sua morte terminato dalla figlia Karolína Neprašová, si trova nel quartiere Žižkov, fortemente legato allo scrittore.
Indirizzo: Prokopova, Žižkov, Praga

František Hrubín

Poeta ceco (1910-1971), amico del Premio Nobel Jaroslav Seifert e militante nel Partito Comunista Cecoslovacco (CPC). Nato in una famiglia di umili origini, visse l’infanzia a Lešany, vicino Praga, durante la Prima Guerra Mondiale. Frequentò il liceo a Praga, poi proseguì all’Università Carolina, dove studia legge e filosofia, ma non si laurea.
Dopo la Seconda Guerra Mondiale divenne uno scrittore freelance e fondò la storica rivista per bambini Mateřídouška (“Il timo”). Ha tradotto autori come Verlaine e Rimbaud, oltre che l’antica poesia cinese, in ceco. Nel 1960 diventò preside del Club degli Amici della Poesia (Klub přátel poezie). Morì nella città di České Budějovice e fu sepolto nel Cimitero di Vyšehrad.

Tomba del Cimitero di Vyšehrad

Karel Hynek Mácha

Poeta romantico ceco (1810-1836) famoso per il poema Máj (“Maggio”).

Statua di Karel Hynek Mácha nel parco di Petřín

Realizzata tra il 1910 e il 1912 dallo scultore Josef Václav Myslbek, la statua di bronzo commemora lo scrittore Karel Hynek Mácha. Si può facilmente individuare incamminandosi a piedi verso la collina di Petřín lungo il sentiero boschivo. Sembra che in tempi recenti si sia diffusa l’usanza tra i giovani innamorati di baciarsi, in particolare il 1 maggio (ufficiosamente “giorno dell’amore”), sotto la statua perché la poesia più famosa di questo poeta, “Maggio”, celebra l’amore.
Indirizzo: Parco di Petřín, Praga

Tomba del Cimitero di Vyšehrad

Jan Neruda

Poeta e scrittore ceco (1834-1891), uno dei membri più rappresentativi del Realismo Ceco. La sua opera più famosa è Povídky malostranské (“I racconti di Malá Strana”)
Il poeta cileno
Pablo Neruda, il cui vero nome era Neftalí Reyes Basoalto, scelse il suo pseudonimo per l’ammirazione che nutriva verso Jan Neruda.

Tomba del Cimitero di Vyšehrad

Božena Němcová

Scrittrice ceca (1820-1862) è famosa per il romanzo autobiografico Babička(“La nonna”).

Tomba del Cimitero di Vyšehrad

Leggere prima di partire per… Praga

Narrativa

  • Milan Kundera, L’insostenibile leggerezza dell’essere (Adelphi)

Non fiction