Luoghi

Fontana delle 99 cannelle

Secondo la leggenda fu voluta dai 99 signori dei castelli della zona come simbolo e suggello per la fondazione dell’Aquila. La fontana fu progettata nel 1272 da Tancredi da Pentima e fu arricchita nei secoli successivi. Si caratterizza per il rivestimento rosato in pietre policrome e i mascheroni, tutti diversi, da cui fuoriesce l’acqua. Se si contano i mascheroni e le bocchette risulteranno 93 (non 99) cannelle. Per raggiungere il numero simbolico 99 sono state infatti aggiunte sei bocchette nell’estremità destra della fontana. 
Quando il poeta Ezra Pound visitò L’Aquila (probabilmente negli anni Venti) scrisse un abbozzo poetico in inglese che tradotto diceva: “come a L’Aquila con cento teste intorno alla fontana dove le ragazze venivano con il bucato dove i paesani attingevano l’acqua / sopra essa un altare alle ninfe, alle oreadi dove gli stranieri offrivano i loro doni / […] cui cura principale era nutrire […] con gli elmi piegati ad arco sopra “bella nello scorrere” l’acqua”.

Autori

Carlo Emilio Gadda

Sallustio

Statua commemorativa

La statua del celebre storico latino si trova in Piazza del Palazzo, gravemente danneggiata dal terremoto del 2009 e al momento in ricostruzione. Gaio Sallustio Crispo era nato nell’86 a.C. ad Amiternum, città a circa 11 chilometri dall’Aquila, dove secondo la leggenda nacque anche Ponzio Pilato. Amiternum iniziò a spopolarsi a favore di città che avevano una posizione più facilmente difendibile come L’Aquila. Oggi è possibile visitare il sito archeologico che preserva i resti della città (principalmente un anfiteatro e la pianta di una domus).
Indirizzo: Piazza del Palazzo, L’Aquila