Firenze

Pratolini nacque nel 1913 in una casa (via dei Magazzini 1) in pieno centro storico, a due passi dalla Torre della Castagna e dalla casa natale di Dante, dove oggi si trova una targa commemorativa: “In questa casa dell’antico centro / nacque il 19 ottobre 1913 / Vasco Pratolini / che a narrare una storia italiana / trasse perenne alimento / dall’amore per la sua Firenze — Il comune di Firenze / nel quinto anniversario della morte / 12 gennaio 1996.”
Quando da bambino fu sfrattato dalla casa di via dei Magazzini, si trasferì assieme alla nonna in via del Corno, che poi diventerà l’ambientazione del suo romanzo Cronache di poveri amanti. Una targa sull’edificio in cui visse ricorda lo scrittore: “Comune di Firenze – Consiglio di Quartiere 1 — In questa casa dell’antico centro visse per alcuni anni / Vasco Pratolini / narratore di storie italiane e di Firenze / che in via del Corno ambientò il romanzo / “Cronache di poveri amanti” / patrimonio della nostra letteratura — Il comune di Firenze nel centenario della nascita – 19 ottobre 2013″.
Pratolini morì nel 1991 a Roma ma fu sepolto nella sua città natale, nel Cimitero delle Porte Sante, presso la basilica di San Miniato al Monte. La tomba si trova nel cortile alla destra della scalinata principale che introduce alla chiesa, nella sezione detta “Piazzale Galleria”. All’interno del cortile ci sono altre tombe, tra cui quelle di Giovanni Spadolini, Mario Cecchi Gori e Pietro Annigoni.