c8e8a390b130aff90998a34cea127459.jpg
ca18ec6f0a3b9426c99d8e96482c8752.jpg
  • Itinerari
  • Città
  • Autori
  • LUOGHI
tl

autori-correlati-75px luoghi-correlati-75px libri-correlati-75px articoli-sul-blog-75px

 

Autori correlati

Abelardo e Eloisa

Casa dello zio di Eloisa

Qui si trovava la casa dove il canonico Fulberto chiese a Pietro Abelardo di diventare tutore di sua nipote Eloisa.
Indirizzo: 26 rue Chanoinesse (4ème arrondissement), Parigi

Tomba nel Cimitero di Père-Lachaise


Endre Ady

Targa commemorativa sull'edificio in cui è vissuto

La targa che commemora il poeta ungherese recita: Ici habita et chanta le grand poète lyrique hongrois Endré Ady (1877-1919), fervent admirateur de la France. «... Paris est planté dans mon coeur» - Ady. Erigé par le Comité Franco-Hongrois en 1956."
Indirizzo: 3 rue Casimir-Delavigne (6ème arrondissement)


Guillaume Apollinaire

Tomba nel Cimitero di Père-Lachaise

Targa commemorativa sul ponte Mirabeau

Sul ponte Mirabeau si trova una targa in bronzo su cui è scolpita la prima strofa della poesia Le Pont Mirabeau: "Sous le pont Mirabeau coule la Seine / Et nos amours / Faut-il qu'il m'en souvienne / La joie venait toujours après la peine / Vienne la nuit sonne l'heure / Les jours s'en vont je demeure - Guillaume Apollinaire" Indirizzo: pont Mirabeau (16ème arrondissement), Parigi

Café de Flore


Raymond Aron

Tomba nel Cimitero di Montparnasse


Félix Arvers

Targa commemorativa sull'edificio in cui è nato

La targa recita: "Le poète Félix Arvers est né dans cette maison le 23 juillet 1806. "Mon âme, ma vie a son secret mystère."
Indirizzo: 1 rue Budé (4ème arrondissement), Parigi


Miguel Ángel Asturias

Tomba nel Cimitero di Père-Lachaise


Emile Augier

Luogo in cui è vissuto

Il poeta e drammaturgo è vissuto qui nel 1862.
Indirizzo: 7 rue du 29-Juillet (1er arrondissement), Parigi


Marcel Aymé

Targa commemorativa nel luogo in cui è vissuto

La targa recita: "Ici vécut l'écrivain Marcel Aymé (1902-1967)".
Indirizzo: place Marcel-Aymé 2 (18ème arrondissement), Parigi

Scultura "Passe-Muraille"

La scultura rappresenta Monsieur Dutilleul, protagonista del racconto di Marcel Aymé Passe-Muraille (L'Attraversa-Muri). Una mattina Dutilleul si alza e scopre di avere il potere di attraversare i muri. Decide così di usarlo per vendicarsi sul suo capo per le vessazioni che ha subito. Ma l'epilogo è quello che vediamo sotto i nostri occhi: un giorno, inghiotte per sbaglio delle pasticche-antidoto e, dopo una notte di passione, rimane imprigionato nel muro.
La scultura è stata realizzata nel 1989 da Jean Marais e si trova a Montmartre, quartiere in cui è ambientata la storia e in cui viveva Aymé.
Indirizzo: place Marcel-Aymé (18ème arrondissement), Parigi 


Honoré de Balzac


Charles Baudelaire


Muriel Barbery

Il condominio fittizio che è protagonista del romanzo L'eleganza del riccio si trova al numero 7 di Rue de Grenelle, una strada nota per i suoi eleganti palazzi abitati da famiglie dell'alta borghesia.


Pierre-Augustin Caron de Beaumarchais

Tomba nel Cimitero di Père-Lachaise


Simone de Beauvoir

Tomba nel Cimitero di Montparnasse

Hotel in cui ha soggiornato

La scrittrice soggiornò nella primavera del 1937 presso Hôtel des Bains.
Indirizzo: 33 rue Delambre (16ème arrondissement), Parigi

Café de Flore

Café du Dome


Samuel Beckett


Henry Becque

Targa commemorativa sull'edificio in cui è nato

Il drammaturgo è nato in questo edificio come indica una targa apposta sulla facciata: "Henry Becque, auteur dramatique, est né dans cette maison le 18 avril 1837. (1924)"
Indirizzo: 10 rue de Chabrol (10ème arrondissement), Parigi


Robert de Bedarieux

Targa commemorativa sull'edificio in cui è deceduto

La targa recita: "Ici décéda le 7 mai 1954 le poète Robert de Bedarieux".
Indirizzo: 4 rue Rossini (8ème arrondissement), Parigi


Joachim du Bellay

Targa commemorativa sull'edificio in cui è morto

La targa recita: "Ici était la maison où le poète Joachim du Bellay est mort à l'âge de trente-sept ans, le premier janvier 1560".
Indirizzo: 1 rue Massillon (4ème arrondissement), Parigi


Pierre Benoit

Targa commemorativa sull'edificio in cui è vissuto

La targa commemorativa recita: "Pierre Benoit de l'Académie française a vécu dans cet immeuble de 1924 à 1947".
Indirizzo: 120 rue d'Assas (6ème arrondissement), Parigi


Henri-Louis Bergson

Targa commemorativa nel Panthéon

Targa commemorativa sulla sua ultima casa

La targa recita: "Henri Bergson, philosophe français (1859-1941), a vécu dans cette maison où il est mort le 3 janvier 1941".
Indirizzo: boulevard de Beauséjour 47 (16ème arrondissement), Parigi


Georges Bernanos

Targa commemorativa sull'edificio in cui è nato

La targa recita: "Ici est né Georges Bernanos, le 20 février 1888".
Indirizzo: 28 rue Joubert (9ème arrondissement), Parigi


Emile Bernard

Targa commemorativa

La targa recita: "15 quai Bourbon, dernière demeure du peintre et poète Emile Bernard (1868-1941), créateur du synthétisme, initiateur de l'évolution du groupe de Pont-Aven, père du symbolisme."
Indirizzo: 15 quai de Bourbon (4ème arrondissement), Parigi


Aloysius Bertrand

Tomba nel Cimitero di Montparnasse


Bjornstjerne Bjornson

Targa commemorativa sull'edificio in cui è deceduto

Lo scrittore norvegese è deceduto in questo edificio il 26 aprile 1910. Una targa lo ricorda così: "En cette maison, le 26 avril 1910 est mort Bjornstjerne Bjornson, fils illustre de la Norvège, né le 8 décembre 1832. Poète dramaturge, tribun, apôtre de la liberté et de la paix, honneur de l'humanité."
Indirizzo: 2 rue du 29-Juillet (1er arrondissement), Parigi


Emile Blémont

Targa commemorativa sull'edificio in cui è deceduto

La targa recita: "Le poète Emile Blémont (Léon Petitdidier) ne à Paris le 17 Juillet 1839 est mort dans cette maison le 1er Fevrier 1927".
Indirizzo: 11bis rue Ballu (9ème arrondissement), Parigi


Jorge Luis Borges

Targa commemorativa sull'edificio in cui è vissuto

La targa recita: "Ici vécut Jorge Luis Borges (1899-1986), écrivain argentin, lors de ses fréquents séjours à Paris de 1977 à 1984."
Indirizzo: 13 rue des Beaux-Arts (6ème arrondissement), Parigi


Karl Ludwig Börne

Tomba nel Cimitero di Père-Lachaise


Élémir Bourges

Tomba nel Cimitero di Père-Lachaise


Paul Bourget

Tomba nel Cimitero di Montparnasse


André Breton

Targa commemorativa sull'edificio in cui è vissuto

L'hotel in cui lo scrittore (oggi Hôtel Delambre, all'epoca Hôtel des Écoles) ha alloggiato nel 1921 è indicata da una targa che recita: "Dans cet hôtel a vécu, en 1921, l'écrivain André Breton". Nello stesso hotel soggiornò anche il pittore Paul Gauguin nel 1891.
Indirizzo: 35 rue Delambre (14ème arrondissement), Parigi

Targa commemorativa sull'edificio in cui è vissuto

Dopo il matrimonio con Simone Kahn nel 1921, si trasferisce al numero 42 di rue Pierre-Fontaine, dove rimarrà fino al 1949. La targa apposta sulla facciata recita: "André Breton (1896-1966) / «Je cherche l'or du temps» / a fait du 42 rue Fontaine / le centre du mouvement surrealiste / de 1922 a 1966".
Indirizzo: 42 rue Pierre-Fontaine (9ème arrondissement), Parigi

Tomba nel Cimetière des Batignolles

Breton è sepolto nel Cimitero dei Batignolles. La sua tomba si trova nella 31° divisione e vi è inciso l'epitaffio «je cherche l'or du temps».
Indirizzo: 8 rue Saint-Just (17ème arrondissement), Parigi


Dan Brown

Église Saint-Sulpice, ambientazione del Codice da Vinci

La chiesa è dedicata a San Sulpicio e fu costruita a partire dal 1646, ma fu completata solo un secolo e mezzo dopo. Oggi è famosa anche perché qui è stata ambientato un episodio cruciale del bestseller Il codice da Vinci.
Indirizzo: place Saint Sulpice (6eme arrondissement), Parigi


Roger Caillois

Tomba nel Cimitero di Montparnasse


Francis Carco

Targa commemorativa sull'edificio in cui visse

La targa recita: "Le poète et romancier Francis Carco de l'académie Goncourt a vécu dans cette maison de 1949-1958."
Indirizzo: 18 quai de Béthune (4ème arrondissement), Parigi


Amorim de Carvalho

Targa commemorativa sull'edificio in cui è vissuto

La targa recita: "Dans cette immeuble a vécu de 1969 à 1974 Amorim de Carvalho, poète et philosophe portugais, mort à Paris le 15 avril 1976."
Indirizzo: 52 rue Gay-Lussac (5ème arrondissement), Parigi


Louis-Ferdinand Céline

Targa commemorativa sull'edificio in cui visse

La targa recita: "L'écrivain Louis-Ferdinand Céline (1894-1961) habita au 2ème étage entre 1929 et 1939".
Indirizzo: rue Lepic 98 (18ème arrondissement), Parigi


Aimé Césaire

Tomba nel Panthéon

Targa commemorativa nel luogo in cui è vissuto

La targa, inaugurata il 15 febbraio 2013, recita: "Ici vécut Aimé Césaire (1913-2008), poète, écrivain, homme politique, député de la Martinique, de 1945 à 1993". Césaire visse al numero 25.
Indirizzo: 8 rue Albert-Bayet (13ème arrondissement), Parigi


Sébastien-Roch Nicolas de Chamfort

Targa commemorativa sull'edificio in cui è deceduto

La targa recita: "Dans cette maison Chamfort, né en 1741, se donna la mort le 13 avril 1794."
Indirizzo: 10 rue Chabanais (2e arrondissement), Parigi


François-René de Chateaubriand

Targa commemorativa sull'edificio in cui morì

La targa recita: "Chateaubriand, né à Saint-Malo le 4 septembre 1768, est mort dans cet hôtel le 4 juillet 1848."
Indirizzo: 120 rue Cambacérès (8ème arrondissement) Parigi

Edificio in cui è vissuto

Lo scrittore François-René de Chateaubriand (1768-1848) è vissuto in un appartamento di questo edificio dal 1812 al 1814.
Indirizzo: 194 rue de Rivoli (1er e 4ème arrondissement), Parigi


Emil Cioran

Tomba nel Cimitero di Montparnasse


Jean-Baptiste Clément

Targa commemorativa nel luogo in cui visse

La targa recita : "Le poète sociel Jean-Baptiste Clément, ancien Maire de Montmartre (1871), immortel auteur du "Temps des Cerises", habita cette maison de 1885 à 1903 - Le Vieux Montmartre, 22 nov. 1936".
Indirizzo: rue Lepic 110 (18ème arrondissement), Parigi


Jean Cocteau

Soggiorno presso l'Hôtel Castille

A partire dal 1938, Jean Cocteau soggiorna in una stanza di questo hotel. Qui ha incontrato il giovane Jean Marais che voleva recitare in una delle sue commedie.
Indirizzo: Hôtel Castille Paris, 33  rue Cambon (1er arrondissement), Parigi


Colette

Tomba nel Cimitero di Père-Lachaise

Targa commemorativa sull'edificio in cui è vissuta

Nel 1927 Colette si trasferì al numero 9 di rue de Beaujolais e qui occupò il piano rialzato, che chiamava "il tunnel", fino al 1929. Lasciato l'appartamento, ritornerà a questo indirizzo nel 1938, questa volta al primo piano, con grandi finestre che si affacciano sui giardini del Palais Royal. Qui rimarrà fino alla morte nel 1954. Qui scrisse Dalla mia finestra,  che parla dell'occupazione tedesca di Parigi.
Sull'edificio oggi si trova una targa che recita: "Dans cette maison / Colette / à vecu de 1927 a 1929 et de 1938 a sa mort / le 3 Aout 1957". 
Indirizzo: 9 rue de Beaujolais (1er arrondissement), Parigi


Auguste Comte

Tomba nel Cimitero di Père-Lachaise

Targa commemorativa sull'edificio in cui è vissuto

La targa recita: "Auguste Comte, fondateur du Positivisme, habita ici de 1818 à 1822. Il y conçut la loi sociologique des Trois Etats et formula le système de Classification des Sciences".
Indirizzo: 36 rue Bonaparte (6ème arrondissement), Parigi


Benjamin Constant

Tomba nel Cimitero di Père-Lachaise


François Coppée

Tomba nel Cimitero di Montparnasse


Pierre Corneille

Luogo in cui sorgeva la sua abitazione

Una targa commemorativa è stata posta sull'edificio dove sorgeva l'abitazione in cui Corneille è deceduto: "Sur cetemplacement était la maison où Pierre Corneille, né à Rouen le 6 juin 1606, est mort le 1er octobre 1684."
Indirizzo: 6 rue d'Argenteuil (1er arrondissement), Parigi


Julio Cortázar

Tomba nel Cimitero di Montparnasse


Charles Cros

Tomba nel Cimitero di Montparnasse


Georges Courteline

Tomba nel Cimitero di Père-Lachaise


Savinien Cyrano de Bergerac

Tomba nel Cimitero di Père-Lachaise

Edificio in cui è nato

Il celebre soldato e scrittore che ha ispirato il personaggio di Edmond Rostand è nato il 6 marzo 1619 al numero 29 di rue Dussoubs.
Indirizzo: 29 rue Dussoubs (2ème arrondissement), Parigi


Alphonse Daudet

Tomba nel Cimitero di Père-Lachaise

Targa commemorativa sull'edificio in cui morì

La targa recita: "Alphonse Daudet, né à Nîmes le 13 mai 1840, est mort dans cette maison le 16 décembre 1897."
Indirizzo: rue de l'Université (7ème arrondissement), Parigi


Adrien Decourcelle

Tomba nel Cimitero di Père-Lachaise


Vivant Denon

Tomba nel Cimitero di Père-Lachaise


Robert Desnos

Tomba nel Cimitero di Montparnasse


Denis Diderot

Targa commemorativa sull'edificio in cui è vissuto

La targa, posta sull'edificio in cui Diderot visse negli anni in cui dirigeva la pubblicazione dell'Encyclopédie, recita: "Denis Diderot vécut dans cette maison de 1747 à 1754, à l'époque où il dirigeait la publication de l'Encyclopédie."
Indirizzo: 3 rue de l'Estrapade (5ème arrondissement), Parigi

Targa commemorativa sull'edificio in cui è deceduto

La targa recita "Diderot, philosophe et littérateur, principal auteur de l'Encyclopédie, né à Langres le 5 octobre 1713, est mort dans cette maison le 31 juillet 1784."
Indirizzo: 39 rue de Richelieu (1er e 2ème arrondissement), Parigi

Café Le Procope


Alexander Dumas padre


Alexandre Dumas figlio

Tomba nel Cimitero di Montmartre

Targa commemorativa sull'edificio in cui nacque

La targa recita: "Alexandre Dumas fils, auteur dramatique, est né dans cette maison le 27 juillet 1824."
Indirizzo: 1 place Boieldieu (2ème arrondissement)


Marguerite Duras

Tomba nel Cimitero di Montparnasse


Paul Éluard

Tomba nel Cimitero di Père-Lachaise


Friedrich Engels

Edificio in cui è vissuto

Qui ha soggiornato Friedrich Engels dal 1844 al 1846.
Indirizzo: 11 rue de l'Arbre-Sec (1er arrondissement), Parigi


Léon-Paul Fargue

Targa commemorativa

La targa recita: "Ici mourut le 24 novembre 1947 Léon-Paul Fargue, poète et piéton de Paris."
Indirizzo: 1 place Léon-Paul-Fargue (6ème arrondissement)

Tomba nel Cimitero di Montparnasse


William Faulkner

Targa commemorativa sull'edificio in cui è vissuto

Lo scrittore americano ha vissuto qui da agosto a dicembre dell'anno 1925, presso l'Hôtel des Principautés Unies. La targa posta sulla facciata recita: "Ici a vécu à l'automne 1925 William Faulkner (1897-1962), écrivain américain, prix Nobel de Littérature 1949".
Indirizzo: 6 rue Servandoni (6ème arrondissement), Parigi


Ernest Feydeau

Tomba nel Cimitero di Montmartre


Georges Feydeau

Tomba nel Cimitero di Montmartre


Francis Scott Fitzgerald

Targa commemorativa sull'edificio in cui ha vissuto

Lo scrittore Francis Scott e sua moglie Zelda Fitzgerald hanno vissuto qui nel 1928.
Indirizzo: 58 rue de Vaugirard (6ème et 15ème arrondissement), Parigi

Café La Closerie des Lilas


Charles Fourier

Tomba nel Cimitero di Montmartre


Anatole France

Targa commemorativa sull'edificio in cui è vissuto

Lo scrittore è nato e vissuto in questo edificio dal 1844 al 1853. La targa, installata nel 1933, recita: "Anatole France, né le 16 avril 1844 quai Malaquais n° 19, habita dans cet hôtel de 1844 à 1853".
Indirizzo: 19 quai Malaquais (6ème arrondissement), Parigi


Sigmund Freud

Targa commemorativa sull'edificio in cui è vissuto

La targa recita: "Sigmund Freud, créateur de la psychanalyse, habita cette maison 1885-1886."
Indirizzo: 10 rue Le Goff (5ème arrondissement), Parigi


Carlos Fuentes

Tomba nel Cimitero di Montparnasse


Henry Gauthier-Villars

Tomba nel Cimitero di Montparnasse


Théophile Gautier

Tomba nel Cimitero di Montmartre

Hôtel de Lauzun

L'Hôtel de Lauzun, oggi nella categoria degli "hôtel particulier", fu costruito tra il 1650 e il 1658 dall'architetto francese Louis Le Vau, ed è stato la residenza in affitto, all'epoca di proprietà del barone Jérôme Pichon, di Charles Baudelaire e Théophile Gautier. I due scrittori fondarono qui il Club de Hashishins, dove assumevano hashish.
Indirizzo: 17 Quai d'anjou (4ème arrondissement), Parigi


André Gide

Targa commemorativa

La targa recita: "André Gide, né à Paris le 22 novembre 1869, habita cette maison de 1926 jusqu'à sa mort, le 19 février 1951."
Indirizzo: 1bis rue Vaneau (7ème arrondissement), Parigi


Carlo Goldoni


Knut Hamsun

Targa commemorativa sull'edificio in cui è vissuto

La targa recita: "Knut Hamsun (1859-1952), prix Nobel de Littérature 1920, vécut et travailla dans cet immeuble entre 1893 et 1895."
Indirizzo: 8 rue de Vaugirard (6ème et 15ème arrondissement), Parigi


Heinrich Heine

Tomba nel Cimitero di Montmartre

Luogo in cui è vissuto

Il poeta è vissuto qui nel 1841. Qui visse anche lo storico Augustin Thierry dal 1820 al 1830.Sull'edificio si trova per errore una targa che indica il luogo in cui è vissuto lo scrittore e moralista Jean de La Bruyère, che in realtà abitò al numero 26.
Indirizzo: 25 rue des Grands-Augustins (6ème arrondissement), Parigi


Ernest Hemingway


Victor Hugo


Joris-Karl Huysmans

Tomba nel Cimitero di Montparnasse

Targa commemorativa sull'edificio del Ministero degli interni

Huysmans fu funzionario presso il Ministero degli interni. Sull'edificio una targa recita: "Joris-Karl Huysmans, homme de lettres, premier président de l'Académie Goncourt, fut fonctionnaire au Ministère de l'Intérieur de 1866 à 1898". In questa via abitò anche il poeta Alphonse de Lamartine nel 1896, ma l'edificio è stato distrutto.
Indirizzo: rue Cambacérès (8ème arrondissement), Parigi
Indirizzo: 7 rue Cambacérès (8ème arrondissement) Parigi

Targa commemorativa sull'edificio in cui è nato

La targa recita: "Ici est né le 5 février 1848 J.-K. Huysmans, écrivain français. Société J-X.H - 1953".
Indirizzo: 9 rue Suger (6ème arrondissement), Parigi

Targa commemorativa sull'edificio in cui è deceduto

La targa recita: "J.K. Huysmans, littérateur français, né à Paris en 1848, est mort dans cette maison le 12 mai 1907".
Indirizzo: 31 rue Saint-Placide (6ème arrondissement), Parigi


Gyula Illyés

Targa commemorativa sull'edificio in cui è vissuto

La targa apposta sull'edificio in cui il poeta ungherese ha vissuto dal 1922 al 1926 recita: "Le poète hongrois Gyula Illyés (1902-1983) a vécu dans cette maison de 1922 à 1926."
Indirizzo: 9 rue Budé (4ème arrondissement), Parigi


Eugène Ionesco

Tomba nel Cimitero di Montparnasse

Edificio in cui visse

Eugène Ionesco (1909-1994) e la moglie vissero qui dal 1960 al 1964.
Indirizzo: 14 rue de Rivoli (1er e 4ème arrondissement), Parigi


Max Jacob

Edificio in cui visse

La targa recita: "Le poète Max Jacob (1876-1944) a habité cette maison de 1907 à 1911". Nello stesso edificio è vissuto il poeta Pierre Reverdy nel 1911.
Indirizzo: rue Ravignan 7 (18ème arrondissement), Parigi


Marcel Jouhandeau (1888-1979)

Tomba nel Cimitero di Montmartre


Gustave Kahn

Tomba nel Cimitero di Montparnasse


Joseph Kessel

Tomba nel Cimitero di Montparnasse

Edificio in cui è vissuto

Lo scrittore Joseph Kessel (1898-1979) ha abitato in questo edificio nel 1914.
Indirizzo: 28 rue de Rivoli (1er e 4ème arrondissement), Parigi


Attila Jozsef

Targa commemorativa sull'edificio in cui è vissuto

La targa recita: "Dans cette maison vécut en 1926 le poète hongrois Attila Jozsef (1905-1937)".
Indirizzo: 4 rue du Vieux-Colombier (6ème arrondissement), Parigi


Jean de La Fontaine

Tomba nel Cimitero di Père-Lachaise


Eugène Labiche

Targa commemorativa

La targa recita: "Eugène Labiche, Ecrivain, Membre de l'Académie Française, naquit dans cet immeuble le 5 mai 1815."
Indirizzo: 67 rue de la Verrerie (4ème arrondissement).

Tomba nel Cimitero di Montmartre


Michèle Lacrosil

Tomba nel Cimitero di Montmartre


Alphonse de Lamartine

Targa commemorativa sull'edificio in cui è vissuto

La targa recita: "Dans cet hôtel Lamartine a résidé de 1837 à 1853. C'est ici que le peuple de Paris vint l'acclamer le 25 février 1848 après son discours sur le drapeau tricolore".
Indirizzo: rue de l'Université (7ème arrondissement), Parigi

Valery Larbaud

Targa commemorativa sull'edificio in cui è vissuto

La targa recita: "Valery Larbaud (1881-1957), poète, romancier, essayiste, traducteur, vécut ici de 1919 à 1937."
Indirizzo: 71 rue du Cardinal-Lemoine (5ème arrondissement), Parigi


Maurice Leblanc

Tomba nel Cimitero di Montparnasse


Gilbert Lely

Tomba nel Cimitero di Montmartre


Daniel Lesueur

Targa commemorativa sull'edificio in cui visse

La targa recita: "La poétesse et romancière Daniel Lesueur, nom de plume de Jeanne Lapauze (1860-1920) a vécu ici".
Indirizzo: rue de Rome 91 (8ème e 17ème arrondissement), Parigi


Leconte de Lisle

Tomba nel Cimitero di Montparnasse


Prosper-Olivier Lissagaray

Tomba nel Cimitero di Père-Lachaise


Emile Littré

Targa commemorativa

Émile Maximilien Paul Littré, conosciuto per il suo Dizionario della lingua francese, è vissuto qui. La targa commemorativa recita: "Emile Littré, auteur du Grand Dictionnaire de la Langue française, né à Paris le 1 février 1801 est mort dans cette maison le 2 juin 1881".
Indirizzo: rue d'Assas (6ème arrondissement), Parigi

Luogo di nascita

Il lessicografo Emile Littré è nato al numero 21 di rue des Grands-Augustins il 1° febbraio 1801.
Indirizzo: 21 rue des Grands-Augustins (6ème arrondissement), Parigi


Pierre Louÿs

Tomba nel Cimitero di Montparnasse


Vladimir Majakovskij

Hotel Istria

Quest'albergo è stato frequentato da numerosi artisti e intellettuali come i pittori Picabia e Duchamp, il fotografo Man Ray e la sua modella Kiki de Montparnasse, il musicista Eric Satie. Tra i letterati si annoverano Rainer Maria Rilke, Tristan Tzara, Vladimir Majakovskij, Elsa Triolet (che alloggiò dal 1924 al 1929 nella camera n. 12 e scrisse qui il suo romanzo Camouflage). Una targa apposta sulla facciata dell'edificio recita: "Dans l'effervescence créatrice des années 1920, l'hôtel Istria accueillit, entre autres artistes, Francis Picabia, Marcel Duchamp, Moïse Kisling, peintres, Man Ray, photographe, Kiki de Montparnasse, modèle et égérie, Erik Satie, compositeur, Rainer Maria Rilke, Tristan Tzara, Vladimir Maïakovski, poètes, et Louis Aragon qui y rejoignait Elsa Triolet. "«Ne s'éteint que ce qui brilla... Lorsque tu descendais de l'hôtel Istria. Tout était différent Rue Campagne Première, en mil neuf cent vingt neuf, vers l'heure de midi...» - Louis Aragon (Il ne m'est Paris que d'Elsa). Association La Mémoire des Lieux."
Indirizzo: 29 rue Campagne Première (14ème arrondissement), Parigi
sito


Stéphane Mallarmé

Targa sull'edificio in cui ha vissuto

Al numero 89 di rue de Rome (prima del 1884 era il numero 87), si trova la casa in cui ha abitato Mallarmé a partire dal 15 marzo 1875. Qui ha organizzato i famosi "martedì della rue de Rome" ("Mardis de la rue de Rome") ai quali partecipavano molti intellettuali e artisti dell'epoca come Manet, Henri de Régnier, Paul Valéry, Nadar, Pierre Louÿs, Ravel, Huysmans, Verlaine. La targa recita: "Le poète Stéphane Mallarmé a vécu dans cette maison à partir de 1875".
Indirizzo: rue de Rome 89 (8ème e 17ème arrondissement), Parigi


André Malraux

Tomba nel Panthéon

Targa commemorativa sull'edificio in cui visse

La targa recita: "André Malraux (1901-1976) habita cette maison où il écrivit La Condition Humaine".
Indirizzo: 44 rue du Bac; (7ème arrondissement), Parigi

Targa commemorativa sull'edificio in cui visse

La targa recita: "André Malraux, 1901-1976, écrivain, ministre des Affaires culturelles, a été élève de cet établissement de 1915 à 1918.”.
Indirizzo: 69 rue de Torbigo (3ème arrondissement), Parigi

Targa commemorativa nel luogo in cui è nato

La targa recita: "Ici est né le 3 novembre 1901 André Malraux, ecrivain, ministre d'Etat 1959-1969, fondateur du Ministère des Affaires Culturelles"
indirizzo: rue Damrémont 53 (18ème arrondissement), Parigi


Gabriel Marcel

Targa commemorativa sull'edificio in cui è vissuto

Lo scrittore e filosofo Marcel è vissuto in questo edificio dal 1933 alla sua morte nel 1973. La targa apposta sulla facciata recita: "Gabriel Marcel, philosophe et dramaturge (1889-1973), a vécu dans cette maison de 1933 jusqu'à la fin de sa vie."
Indirizzo: 21 Rue de Tournon (6ème arrondissement), Parigi


Guy de Maupassant

Tomba nel Cimitero di Montparnasse


Claude Mauriac

Tomba nel Cimitero di Montparnasse


François Mauriac

Targa commemorativa sull'edificio in cui visse

La targa recita:"Ici vécut de 1913 à 1930 François Mauriac, Ecrivain (1885-1870), Académicien - Prix Nobel 1952".
Indirizzo: rue de la Pompe 89 (16ème arrondissement), Parigi

Targa commemorativa sulla sua ultima casa

Mauriac ha vissuto dal 1913 al 1930 in rue de la Pompe 89 per poi trasferirsi definitivamente a questo indirizzo dove è stata apposta una targa che recita:"Dans cette maison a vécu François Mauriac de 1930 a sa mort en 1970"
Indirizzo: avenue Théophile-Gautier - Paris 38 (16ème arrondissement), Parigi


Catulle Mendès

Tomba nel Cimitero di Montparnasse


Prosper Merimée

Luogo in cui è vissuto

Qui ha soggiornato lo scrittore e storico Prosper Mérimée dal 1844 al 1846 e il pittore Jean-Baptiste Corot.
Indirizzo: 10 rue des Beaux-Arts (6ème arrondissement), Parigi


Henry Miller

Hotel in cui ha soggiornato

Lo scrittore americano Henry Miller (1891-1980) ha soggiornato nel 1928 al numero 24 presso l'Hôtel de Paris, che oggi non esiste più, e successivamente, nel 1930, presso l'Hôtel Saint-Germain-des-Prés, al numero 36 della stessa via.
Indirizzo: 24 rue Bonaparte (6ème arrondissement), Parigi

Café La Rotonde

Café Le Select


Frédéric Mistral

Targa commemorativa sull'edificio in cui ha vissuto

Qui Mistral è vissuto nel 1859, anno della pubblicazione di Mireille. La targa recita: "Frédéric Mistral demeura dans cette maison en 1859, l'année où il publia Mireille".
Indirizzo: 112 rue Montmartre (1er arrondissement), Parigi


Molière

Tomba nel Cimitero di Père-Lachaise

Targa commemorativa nella zona in cui sorgeva la sua abitazione

La casa di campagna in cui Molière ha vissuto dal 1667 al 1673 si trovava in 2 rue d’Auteuil, oggi 62 avenue Théophile-Gautier. Sull'edificio sorto nel luogo in cui sorgeva indicativamente l'abitazione del commediografo è stata posta una targa che recita: "Ici s'élevait une maison de campaigne habitée par Moliére vers 1667".
Indirizzo: 62 avenue Théophile-Gautier (16ème arrondissement), Parigi

Targa commemorativa sul luogo in cui è nato

Qui sorgeva la casa in cui è nato Molière il 15 gennaio 1622. Un tempo era presente una targa, ora rimossa, che recitava: "Cette maison a été construite sur l'emplacement de celle où est né Molière le 15 janvier 1622. Contrat de mariage de J. Poquelin et de Marie Cressé, 22 février 1621, mariés le 27 avril suivant (registre Saint-Eustache). Acte de baptême de Molière, 15 janvier 1622, inventaire notarié après le décès de Marie Cressé, 15-31 janvier1633."
Indirizzo: 96 rue Saint-Honoré (1er e 8ème arrondissement), Parigi

Targa commemorativa sul luogo in cui è nato (2)

La targa porta un errore nella data di nascita del commediografo (la data esatta è il 1622): "J.B. Poquelin, dit Molière. Cette maison a été bâtie sur l'emplacement de celle où il naquit l'an 1620." Nell'attuale edificio soggiornò il compositore Richard Wagner qualche mese a partire dal 17 settembre 1839.
Indirizzo: 31 rue du Pont-Neuf (1er arrondissement), Parigi

Targa commemorativa sul luogo in cui è deceduto

Qui si trovava l'abitazione in cui Molière visse dall'ottobre 1672 all'anno della sua morte, il 17 febbraio 1673, dopo una rappresentazione del Malato immaginario. La targa apposta sulla facciata dell'attuale edificio, risalente al 1765,  recita "Ici s'élevait la maison où Molière, né à Paris le 15 janvier 1622, est mort le 17 février 1673."
Indirizzo: 40 rue de Richelieu (1er e 2ème arrondissement), Parigi


Henri Murger

Tomba nel Cimitero di Montmartre


Alfred de Musset

Tomba nel Cimitero di Père-Lachaise

Targa commemorativa sull'edificio in cui è vissuto

Alfred de Musset ha trascorso alcuni anni in un palazzo al numero 59 di Rue de Grenelle fino al 1839, quando intraprese un viaggio a Venezia con George Sand. Oggi una targa sull'edificio recita: "Alfred de Musset / habita de 1824 à 1839 / la maison située / dans la cour du numéro 59 -- Hommage de la Société "Les Mussettistes".
Indirizzo: Rue de Grenelle 59, (7eme arrondissement), Parigi 


Gérard de Nerval

Tomba nel Cimitero di Père-Lachaise

Targa sull'edificio in cui è nato

La targa recita: "Ici est né le poète Gérard de Nerval (1808-1855)."
Indirizzo: 168 rue Saint-Martin (3ème e 4ème arrondissement), Parigi

Luogo in cui è vissuto

Lo scrittore ha soggiornato qui con la pittrice Camille Rogier.
Indirizzo: 5 rue des Beaux-Arts (6ème arrondissement), Parigi

Ultima residenza in cui è vissuto

Il poeta Gérard de Nerval (1808-1855) abitava a questo indirizzo nel periodo in cui si uccise impicccandosi in una strada (rue de la Vieille-Lanterne) nei pressi di place du Châtelet, zona poi rasa al suolo e ricostruita dal Barone Haussmann.
Indirizzo: 13 rue des Bons-Enfants (1er arrondissement), Parigi

Monumento commemorativo

Il monumento in pietra con il bassorilievo bronzeo raffigurante il profilo del poeta è stato realizzato da Jehan Duseigneur e installato nel parco nel 1955. A pochi passi si trova una pietra sulla quale sono scolpiti dei versi del poeta.
Indirizzo: square de la tour Saint-Jacques (4ème arrondissement), Parigi


Anna de Noailles

Tomba nel Cimitero di Père-Lachaise


Cyprian Kamil Norwid

Targa commemorativa nel luogo in cui ha vissuto

Il poeta polacco è vissuto a Parigi dal 1877 al 1883, anno della sua morte. Una targa apposta sull'edificio recita: "Ici vécut de 1877 à sa mort le 23 mai 1883 Cyprian Kamil Norwid, poète polonais".
Indirizzo: 119  rue du Chevaleret (13ème arrondissement), Parigi


Jean Paulhan

Luogo in cui è vissuto

Lo scrittore Jean Paulhan (1884-1968) ha vissuto qui tra il 1920 e il 1928.
Indirizzo: 9 rue Campagne-Première (14ème arrondissement)


Georges Perec

Tomba nel Cimitero di Père-Lachaise


Louis Pergaud

Targa commemorativa

La targa commemorativa nel luogo in cui ha vissuto e scritto La guerra dei bottoni recita: "Louis Pergaud (1882-1915), Prix Goncourt 1910, mort pour la France, a écrit dans cette maison La Guerre des Boutons. Ses amis - avril 1987".
Indirizzo: 3 rue Marguerin (14ème arrondissement), Parigi


Charles-Louis Philippe

Targa commemorativa sull'edificio in cui visse

La targa recita: "L'écrivain Charles-Louis Philippe a habité cet immeuble de 1907 à décembre 1909."
Indirizzo: 31 quai de Bourbon (4ème arrondissement), Parigi


Pierre Alexis Ponson du Terrail

Tomba nel Cimitero di Montmartre


Eugène Pottier

Tomba nel Cimitero di Père-Lachaise


Jacques Prévert

Targa commemorativa sull'edificio in cui visse

Prévert ha abitato nel vicolo Cité Veron a pochi passi dal Moulin Rouge, su cui si affacciava il suo terrazzo. Come spiega la targa, quel terrazzo fu soprannominato "Terrazzo dei tre satrapi", prendendo il nome dall'appellativo che fu dato a Prévert, il suo cane Ergé e il suo vicino di casa e poeta Boris Vian dal Collegio della Patafisica. La targa infatti recita: "Dans cet immeuble ont vécu en voisins, Boris Vian, de 1953 à 1959, et Jacques Prévert, de 1954 à 1977. Le 11 juin 1953, sur leur terrasse commune surplombant le Moulin Rouge, Boris Vian, Jacques Prévert et son chien Ergé, furent élevés au rang de Transcendants Satraps du collège de Pataphysique. Le site est appelé Terrasse des Trois Satrapes."
Indirizzo: cité Véron 6bis (18ème arrondissement), Parigi

Appartamento in cui si recava agli incontri con i surrealisti

Negli anni Venti del Novecento qui si trovava l'edificio, poi distrutto, che ospitava l'appartamento collettivo abitato da Marcel Duhamel, Raymond Queneau e Yves Tanguy dove, a partire dal 1925, si riunivano anche Jacques Prévert e i membri del movimento surrealista.
Indirizzo: 54 rue du Château (14ème arrondissement), Parigi


Sully Prudhomme

Targa commemorativa sull'edificio in cui è nato

La targa recita: "Le poète Sully-Prudhomme est né dans cette maison le 16 mars 1839".
Indirizzo: 34 rue du Faubourg-Poissonnière (9ème e 10ème arrondissement), Parigi


Marcel Proust


Félix Pyat

Tomba nel Cimitero di Père-Lachaise


Raymond Radiguet

Luogo in cui è deceduto

Nel 1923 Radiguet viveva qui, presso l'Hotel Foyot, edificio poi distrutto, dove è morto di tifo il 12 dicembre dello stesso anno. In questo stesso hotel ha vissuto anche lo scrittore austriaco Joseph Roth per 10 anni, dal 1927 al 1937, anno in cui l'edificio fu demolito.
Indirizzo: 33 rue de Tournon (6ème arrondissement), Parigi


Henri de Régnier

Targa commemorativa sull'edificio in cui ha vissuto

La targa recita: "Ici ont vécu les poètes Henri de Régnier, membre de l'Académie française (Honfleur 1864 - Paris 1936) (et) Gérard d'Houville - Marie de Régnier née de Heredia - (Paris 1875-1963).
Indirizzo: 24 rue Boissière (16ème arrondissement), Parigi


Ernest Renan

Tomba nel Cimitero di Montmartre


Jehan Rictus

Targa commemorativa nel luogo in cui è vissuto

La targa recita: "Le poète Jehan Rictus habita ici entre 1904 et 1913. Il avait habité n° 64 à partir de 1895".
Indirizzo: rue Lepic 50 (18ème arrondissement), Parigi


Jacques Rigaut

Tomba nel Cimitero di Montmartre


Arthur Rimbaud


Rainer Maria Rilke


Edmond Rostand

Targa commemorativa sull'edificio in cui visse

La targa, apposta sull'edificio in cui lo scrittore è vissuto e ha scritto Cyrano de Bergerac, recita: "Dans cette maison, où il vécut de 1891 à 1897, Edmond Rostand a écrit Cyrano de Bergerac."
Indirizzo: rue Fortuny 2 (17ème arrondissement), Parigi


Joseph Roth


Jean-Jacques Rousseau

Tomba nel Panthéon

Targa sul luogo in cui sorgeva la sua abitazione

La targa recita: "Ici, dans cette rue jadis nommée rue Plâtrière, s'élevait la maison qui fut le dernier domicile parisien de Jean-Jacques Rousseau, de 1774-1778."
Indirizzo: 52 rue Jean-Jacques-Rousseau (1er arrondissement), Parigi


Charles-Augustin Sainte-Beuve

Targa commemorativa sull'edificio in cui è vissuto

Lo scrittore e critico letterario è vissuto in questo edificio dal 1850 fino alla sua morte. La targa commemorativa apposta sulla facciata recita: "Sainte Beuve, poète et critique, né à Boulogne-sur-Mer le 23 décembre 1804, est mort dans cette maison le 13 octobre 1869".
Indirizzo: 11 rue du Montparnasse (6ème arrondissement), Parigi

Tomba nel Cimitero di Montparnasse


Antoine de Saint Exupéry


George Sand

Targa sull'edificio in cui nacque

La targa, installata nel 1909, recita: "Ici est née le 1 juillet 1804 Aurore Dupin dite George Sand, littérateur et auteur dramatique".
Indirizzo: 46 rue Meslay (3éme arrondissement), Parigi

Luogo in cui è vissuta

Qui si trovava la cosiddetta "mansarda blu" in cui è vissuta George Sand dal 1832 al 1836 e nella quale ha scritto Lélia.
Indirizzo: 29 quai Malaquais (6ème arrondissement), Parigi


Jules Sandeau

Tomba nel Cimitero di Montparnasse


Victorien Sardou

Targa commemorativa sull'edificio in cui è nato

La targa recita: "Victorien Sardou, auteur dramatique, est né dans cette maison le 5 septembre 1831."
Indirizzo: 16 rue Beautreillis (4ème arrondissement)


Jean-Paul Sartre

Tomba nel Cimitero di Montparnasse

Luogo in cui è vissuto

Il filosofo Jean-Paul Sartre è vissuto in questo edificio dal 1945 al 1962, in un appartamento al quarto piano. Qui ha scritto Le parole (Les Mots, 1964). Il 7 gennaio 1962 l'OAS, gruppo nazionalista francese di estrema destra, fa esplodere un ordigno di fronte la casa dello scrittore, che rimane indenne perché aveva abbandonato l'appartamento per timore di atti violenti nei suoi confronti.
Indirizzo: 42 rue Bonaparte (6ème arrondissement), Parigi

Café Les Deux Magots

Café de Flore

Statua commemorativa

La statua si trova nel cortile della Bibliothèque Nationale de France ed è stata scolpita da Roseline Granet nel 1987. Rappresenta lo scrittore mentre cammina molto proteso in avanti.
Nella biblioteca nazionale sono inoltre custoditi alcuni suoi manoscritti come La nausea e A porte chiuse.
Indirizzo: Bibliothèque Nationale de France, rue Vivienne, 2eme arrondissement, Parigi


Georges Schehadé

Tomba nel Cimitero di Montparnasse


Pierre Seghers

Tomba nel Cimitero di Montparnasse


Claude Simon

Tomba nel Cimitero di Montmartre


Julius Slowacki

Tomba nel Cimitero di Montmartre


Philippe Soupalt

Tomba nel Cimitero di Montmartre

Edificio in cui visse

Il poeta francese, cofondatore del surrealismo, è vissuto al numero 41 di quai de Bourbon dal 1919 al 1922.
Indirizzo: 41 quai de Bourbon (4ème arrondissement)

Café de Flore


Gertrude Stein

Tomba nel Cimitero di Père-Lachaise

Targa commemorativa sull'edificio in cui è vissuta

Gertrude Stein, la sua compagna Alice Toklas e il fratello Léo Stein vissero qui dal 1903 al 1938. In seguito le due donne si trasferirono al numero 5 di rue Christine. La targa recita: "Gertrude Stein (1874-1946), écrivain américain, vécut ici avec son frère Léo Stein, puis avec Alice B. Toklas. Elle y reçut de nombreux artistes et écrivains de 1903 à 1938."
Indirizzo: 27 rue de Fleurus (6ème arrondissement)


August Strindberg

Targa commemorativa sull'edificio in cui ha soggiornato

In questo edificio, dove un tempo si trovava l'Hotel Orfila, ha soggiornato nel 1896 lo scrittore svedese August Strindberg. Una targa apposta sulla facciata recita: "En cet immeuble, alors hôtel Orfila, l'écrivain suédois August Strindberg (1849-1912) a vécu en février-juillet 1896 une phase décisive de sa vie. «Orfila et Swedenborg, mes amis, me protègent, m'encouragent et me punissent. Je ne les vois pas, mais je sens leur présence, ils ne se montrent pas à mon esprit, ni par des visions, ni par des hallucinations, mais les petits événements quotidiens que je recueille manifestent leur intervention dans les vicissitudes de mon existence» Inferno, Mercure de France, Paris 1898".
Indirizzo: 62 rue d'Assas (6ème arrondissement), Parigi


Stendhal


Susan Sontag

Tomba nel Cimitero di Montparnasse


Lev Tolstoj

Targa commemorativa sull'edificio in cui è vissuto

Lo scrittore russo è vissuto in questo edificio nel 1857 come spiega la targa apposta sulla facciata: "Léon Tolstoi (1828-1910) résida dans cet immeuble en 1857."
Indirizzo: 206 rue de Rivoli (1er et 4ème arrondissement), Parigi


Henri Troyat

Tomba nel Cimitero di Montparnasse


Ivan Turgenev

Targa commemorativa sull'edificio dove è vissuto

Lo scrittore russo ha vissuto qui dal 1860 al 1864 e vi ha scritto Padri e figli. "Ivan Tourgueniev (1818-1883), habita cette maison de 1860 à 1864. Il y écrivit "Pères et fils". Association des amis d'Ivan Tourgeniev."
Indirizzo: 210 rue de Rivoli (1er et 4ème arrondissement), Parigi


Tristan Tzara

Tomba nel Cimitero di Montparnasse

Hotel Istria

Quest'albergo è stato frequentato da numerosi artisti e intellettuali come i pittori Picabia e Duchamp, il fotografo Man Ray e la sua modella Kiki de Montparnasse, il musicista Eric Satie. Tra i letterati si annoverano Rainer Maria Rilke, Tristan Tzara, Vladimir Maiakovski, Elsa Triolet (che alloggiò dal 1924 al 1929 nella camera n. 12 e scrisse qui il suo romanzo Camouflage). Una targa apposta sulla facciata dell'edificio ricorda i suoi visitatori illustri.
Indirizzo: 29 rue Campagne Première (14ème arrondissement), Parigi
sito


César Vallejo

Tomba nel Cimitero di Montparnasse


Paul Valéry

Targa commemorativa sull'edificio in cui è vissuto

La targa recita: "Dans cette maison vécut Paul Valéry (1891-1899)."
Indirizzo: 12 rue Gay-Lussac (5ème arrondissement), Parigi

Shakespeare and Company


Jules Vallès

Tomba nel Cimitero di Père-Lachaise


Roger Vercel

Targa commemorativa sull'edificio in cui ha vissuto

La casa in cui ha vissuto Roger Delphin Auguste Crétin, pseudonimo di Roger Vergel, vincitore del premio Goncourt nel 1934, è indicata da una targa recita "L'écrivain Roger Vercel, 1894-1957, a vécu dans cette maison".
Indirizzo: 20 rue Chalgrin (16ème arrondissement), Parigi


Alexandre Vialatte

Targa commemorativo sull'edificio in cui è vissuto

La targa recita: "Alexandre Vialatte, écrivain et journaliste, 1901-1971, a habité cette maison de 1934 à 1966".
Indirizzo: 158 rue Léon-Maurice-Nordmann (13ème arrondissement), Parigi


Boris Vian

Targa commemorativa sull'edificio in cui visse

Vian ha abitato nel vicolo Cité Veron a pochi passi dal Moulin Rouge. La targa spiega che quel terrazzo che si affaccia proprio sul famoso teatro fu soprannominato "Terrazzo dei tre satrapi", prendendo il nome dall'appellativo che fu dato dal Collegio della Patafisica a Boris Vian, il suo vicino di casa e poeta Jacques Prévert e il cane di quest'ultimo, Ergé. La targa infatti recita: "Dans cet immeuble ont vécu en voisins, Boris Vian, de 1953 à 1959, et Jacques Prévert, de 1954 à 1977. Le 11 juin 1953, sur leur terrasse commune surplombant le Moulin Rouge, Boris Vian, Jacques Prévert et son chien Ergé, furent élevés au rang de Transcendants Satraps du collège de Pataphysique. Le site est appelé Terrasse des Trois Satrapes."
Indirizzo: 6bis cité Véron (18ème arrondissement), Parigi


Alfred de Vigny

Tomba nel Cimitero di Montmartre


Auguste de Villiers

Targa commemorativa sull'edificio in cui ha vissuto

Una targa commemorativa indica il luogo in cui ha vissuto lo scrittore e commediografo Auguste de Villiers de L'Isle-Adam.
Indirizzo: 45 rue Pierre-Fontaine (9ème arrondissement), Parigi


Voltaire

Tomba nel Panthéon


Simone Weil

Targa commemorativa sull'edificio in cui è vissuta

La targa recita: "Simone Weil, philosophe, a habité cette maison de 1929 à 1940".
Indirizzo: 3 rue Auguste-Comte (6ème arrondissement), Parigi


Oscar Wilde


Richard Wright

Tomba nel Cimitero di Père-Lachaise

Café Les Deux Magots

 


Émile Zola


Luoghi correlati

Caffè letterari di Parigi
Cimitero di Père-Lachaise

Cimitero di Montparnasse

Cimitero di Montmartre
Panthéon


Leggere prima di partire per... Parigi

Narrativa dell'Ottocento

Alexandre Dumas padre, I miserabili
Alexandre Dumas padre, I tre moschettieri

Alexandre Dumas figlio, La signora delle camelie
Victor Hugo, I miserabili
Victor Hugo, Notre-Dame de Paris
Gaston Leroux, Il fantasma dell'Opera
Charles Louis Philippe, Bubu di Montparnasse

Narrativa contemporanea

Romain Gary, La vita davanti a sé
Marco Missiroli, Atti osceni in luoghi privato
Daniel Pennac, I romanzi della saga di Malaussène

 

 

Indirizzo: Place du Panthéon, Parigi
sito Sito: http://pantheon.monuments-nationaux.fr/
a-pagamento Ingresso a pagamento. 
orario Orari di apertura:  Aperto tutti i giorni eccetto 1 gennaio, 1 maggio e 25 dicembre. Orari dal 1 aprile al 30 settembre: 10.00-18.30; dal 1 ottobre al 31 marzo: 10.00-18.00.

Sul colle Sainte-Geneviève, nel V arrondissement e centro del Quartiere latino, si staglia il Panthéon di Parigi, monumento neoclassico voluto da Luigi XIV per glorificare la patrona della città, Santa Genoveffa, e progettato da Jacques Germain Soufflot, ispirandosi al Pantheon di Roma.
La costruzione dell'edificio fu iniziata da Soufflot nel 1755 ma terminata dal suo collaboratore Rondelet nel 1790 (Soufflot era morto nel 1780), anni della Rivoluzione francese, motivo per cui poco dopo fu commutato dai rivoluzionari in un mausoleo per i personaggi importanti della nazione.
Inizia un periodo altalenante, dove la funzione del monumento viene più volte modificata: nel 1821 con Luigi XVIII tornò di nuovo a svolgere la sua funzione di chiesa cattolica votata a Santa Genoveffa; nel 1830 viene ripristinato lo scopo precedente; nel 1851 torna ad essere una chiesa, ma nel 1885 con la sepoltura di Victor Hugo si decide definitivamente la sua funzione di mausoleo.
Parallelamente ad ogni cambio di destinazione dell'edificio, anche il simbolo sulla sommità dell'edificio è stato cambiato. Una croce nel 1790, una statua di donna che suona la tromba l'anno succesivo, una croce di bronzo nel 1822, la bandiera francese nel 1830, ancora una volta la croce dorata nel 1851, una bandiera rossa nel 1851 (realizzata tagliando i bracci orizzontali), infine nel 1873 una croce di pietra che è rimasta acora oggi nonostante l'utilizzo laico del monumento.

Al suo interno si trova inoltre il famoso "pendolo di Focault", di circa 67 metri, che il fisico francese Léon Foucault utilizzò nel 1851 per dimostrare il movimento di rotazione della Terra.
Quello originale fu smantellato prima che il futuro Napoleone III riconvertisse il Pantheon a monumento religioso, ma poi fu reintrodotto nel 1905. La sfera attuale tuttavia risale al 1995.

Il livello principale ha un'estensione immensa: le colonne in stile corinzio si dispongono lungo i quattro bracci della pianta a croce. Sulle pareti sono stati installati dei dipinti che rappresentano la storia di santa Genoveffa e alcune vicende religiose e cristiane della storia di Francia come l'incoronazione di Carlomagno e il battesimo di Clodoveo.

Nella cripta sono sepolte una serie di personalità rilevanti in campo scientifico, politico, artistico e letterario. L'iscrizione all'ingresso infatti recita: "Aux grandes hommes la patrie reconnaissante" ("Ai grandi uomini, la patria riconoscente").
Il primo fu Honoré Mirabeau, qui sepolto nel 1791 ma, ritenuto traditore a seguito del ritrovamento di alcuni suoi documenti segreti, venne riesumato e gettato nelle fogne di Parigi nel 1794. Sorte analoga toccò a Jean-Paul Marat: le sue spoglie vennero sepolte qui nel 1794, ma ritenuto traditore, l'anno successivo fu riesumato e anch'esso gettato nelle fogne cittadine.
Inoltre, vi riposano le spoglie dell'architetto Jacques-Germain Soufflot, del fisico e matematico Joseph-Louis Lagrange, del chimico Marcellin Berthelot, di Louise Braille (inventore dell'omonimo alfabeto), degli scienziati Marie e Pierre Curie, del partigiano Jean Moulin.

Tra le personalità legate al mondo letterario vi riposano molti intellettuali e scrittori importanti.

Alexandre Dumas padre

Morì il 5 dicembre 1870 e venne seppellito nella sua città natale, a Villers-Cotterêts, dipartimento di Aisne, nella Piccardia. Nel bicentenario dalla nascita, nel 2002, l'allora Presidente della Repubblica francese Jacques Chirac ha voluto celebrarlo facendo spostare i suoi resti all'interno del Panthéon.

Victor Hugo

Morto il 22 maggio 1885 all'età di 83 anni, il suo funerale fu celebrato con una lunga processione dall'Arco di Trionfo al Panthéon, dove fu sepolto. Nella sua stessa cripta, la XXIV, sono conservate oggi anche le spoglie di Émile Zola e Alexandre Dumas.

André Malraux

Quinto scrittore a entrare nel Panthéon, è stato qui traslato nel 1996, venti anni dopo la sua morte, avvenuta il 23 novembre 1976.

Jean-Jacques Rousseau

Morì il 2 luglio 1778 e fu sepolto Ermenonville, nel dipartimento dell'Oise, Piccardia, dove oggi si trova il Parco Jean-Jacques-Rousseau. Nel 1794 fu spostato nel Panthéon, accanto al suo contemporaneo e rivale Voltaire. Il suo sepolcro evoca l'amore di Rousseau per la natura e la libertà: in legno, con un braccio in rilievo che esce dalle ante e stringe in mano la torcia della libertà.

Voltaire

Voltaire morì il 30 maggio 1778. Per il suo criticismo nei confronti della Chiesa, gli fu rifiutato un funerale religioso, ma gli amici riuscirono a seppellirlo segretamente nell'Abbazia di Scellières, provincia di Champagne. L'11 giugno 1791 l'Assemblea Nazionale di Francia fece riportare la salma a Parigi per custodirla all'interno del Panthéon, con una cerimonia sontuosa a cui parteciparono un milione di persone.
La notizia che nel 1814 e 1821 i suoi resti siano stati trafugati da fanatici religiosi è falsa. Nel 1897 il sepolcro è stato aperto, appurando che erano ancora presenti.
Oggi, davanti al suo sepolcro, c'è una statua che lo raffigura. L'iscrizione sulla tomba recita: "Il combattit les athées et les fanatiques. Il inspira la tolérance, il réclama les droits de l'homme contre la servitude de la féodalité. Poète, historien, philosophe, il agrandit l'esprit humain, et lui apprit à être libre" (Ha combattuto atei e fanatici. Ha ispirato tolleranza, ha reclamato i diritti dell'uomo contro la servitù del feudalesimo. Poeta, storico, filosofo, ha ampliato la mente umana e le ha insegnato ad essere libera).

Émile Zola

Morto il 29 settembre 1902, inizialmente viene sepolto nel cimitero di Montmartre, ma il 4 giugno 1908 viene ricollocato nel Panthéon, nella stessa cripta di Victor Hugo e Alexandre Dumas padre.

 

Inoltre all'interno  del Panthéon vi sono poste iscrizioni che ricordano importanti personalità che, per motivi diversi, non è stato potuto seppellire qui.

Henri-Louis Bergson

Un'iscrizione che ricorda il filosofo Premio Nobel è stata inaugurata nel 1967 sotto l'allora Presidente della Repubblica Charles de Gaulle, su proposta dal Movimento Repubblicano Popolare (MRP) per commemorare le vittime del regime di Vichy.
L'iscrizione recita: "À Henri Bergson / MDCCCLIX MCMXLI / philosophe dont l’œuvre et la vie ont honoré la France et la pensée humaine"" ("A Henri Bergson, 1859-1941, filosofo il cui lavoro e vita hanno onorato la Francia e il pensiero umano").

Aimé Césaire

Morto il 17 aprile 2008, i suoi resti riposano nell'isola di Martinica, nelle Antille, sua terra natale, rispettando la sua volontà. Tuttavia il 6 aprile 2011 si è tenuta una cerimonia commemorativa durante la quale è stata posta una targa in suo onore. L'iscrizione, che si trova su un pilastro in fondo alla navata centrale, recita: "Aimé Césaire / Poète, dramaturge, homme politique Martiniquais (1913-2008) / Inlassable artisan de la décolonisation, bâtisseur / d'une «Négritude» fondée sur l'universalité des droits / de l'homme «bouche des malheurs qui n'ont point de / bouche», il a voulu donner au monde, par ses écrits et / son action , «La force de regarder demain». --- « J’habite une blessure sacrée / J’habite des ancêtres imaginaires / J'habite un voulor obscur / J'habite un long silence / J'habite une soif irrémédiable »".

Antonie de Saint Exupéry

Scomparso durante un volo di ricognizione nel mare della Corsica il 31 luglio 1944, non fu mai ritrovata traccia del corpo, mentre il relitto è stato localizzato soltanto nel 2004. Nel marzo 2008, il pilota tedesco della Lutwaffe, Horst Rippert, all'età di 88 anni, ha dichiarato di aver abbattuto lui l'aereo di Sain Exupéry mentre sorvolava il Mediterraneo.
La targa commemorativa a lui dedicata si trova su una colonna vicino all'ingresso per la cripta. L'iscrizione recita: "A la memoire de Antoine de Saint Exupery, poete romancier aviateur disparu au cours d'une mission de reconnaissance aerienne le 31 Juillet 1944" ("Alla memoria di Antoine de Saint Exupery, poeta, romanziere, aviatore, scomparso durante una missione di ricognizione aerea il 31 Luglio 1944").

Indirizzo: St. Patrick's Park Patrick Street , Dublin 8

All'interno del St. Patrick's Park, completato nel 1904, si trova la "Literary Parade", commissionata da Irish Distillers nel 1988 per commemorare il cosiddetto "Dublin Millennium" e realizzata da Colm Brennan e John Coll.
Ogni scultura raffigura un importante scrittore della tradizione irlandese, corredata da una breve biografia, il tutto posizionato all'interno di piccole nicchie lungo il muro a mattoncini rosso del St. Patrick's Park.

Le dodici targhe, ovali e in bronzo, raffigurano: Oscar Wilde, James Joyce, George Bernard Shaw, William Butler Yeats, Samuel Beckett, Brendan Behan, Sean O'Casey, Jonathan Swift, John Millington Synge, Eilish Dillon, James Clarence Mangan e Austin Clarke.

 

   

Indirizzo: Isola di San Michele, Laguna di Venezia.
Come arrivare: con il vaporetto Actv, Linee 41, 42, 61, 62, 71, 72, fermata San Michele in Isola.

orario fonte

Sulla piccole isole di San Michele e San Cristoforo della Pace, tra Venezia e Murano, sorge il cimitero oggi conosciuto col semplicemente come "Cimitero di San Michele".
Il cimitero esisteva già dal 1807, ma nel 1829 fu ampliato interrando lo stretto canale che separava le due isole. Sull'Isola di San Michele infatti c'era un monastero dei Camaldolesi del XIII secolo, divenuto carcere politico durante il periodo napoleonico e successivamente, nel 1829 residenza dei padri Riformati che ancora oggi gestiscono la chiesa annessa al cimitero.
L'altra piccola isoletta, San Cristoforo della Pace, aveva ospitato un mulino a vento nel XIV secolo e un convento di monaci prima Brigidini e poi Agostiniani.
Ci sono diverse aree: cattolica, ortodossa, israelitica ed evangelica. La chiesa di San Michele in Isola è stata progettata dall'architetto Mauro Codussi tra il 1468 e il 1479.

Vi riposano i compositori Igor Stravinskij e Luigi Nono, il matematico e fisico Christian Doppler, il calciatore e allenatore Helenio Herrera, i pittori Emilio Vedova e Louis Léopold Robert, lo scultore Antonio Dal Zotto.

Per quanto riguarda le figure legate al mondo letterario vi sono sepolti Josif Brodskij, Ezra Pound, Frederick Rolfe (Baron Corvo) e Giustina Renier Michiel.

Josif Aleksandrovič Brodskij (1996)

La sua tomba si trova nel recinto XV, settore evangelico, a pochi passi da quella di Ezra Pound. 

Giustina Renier Michiel (1832)

La lapide recita: "Giustina Renier Michiel / cui l’animo buono e l’ingegno elevato / fecero scrivere degnamente / le patrizie feste / ornata di varia letteratura / di arguta giovialità nel conversare / amatissima dai suoi, nota agli stranieri".

Ezra Pound (1972)

Pound muore a Venezia il 1 novembre 1972 e viene sepolto nel cimitero monumentale dell'Isola di San Michele, nel recinto XV, settore evangelico (facilmente raggiungibile seguendo le indicazioni esposte nella bacheca all'ingresso).
Alla sua morte, nel 1996 anche la compagna Olga Rudge viene sepolta nello stesso luogo, a fianco di Pound. Le tombe si trovano in un'aiuola, indicate da una piccola lapide tra la vegetazione.

   

Frederick Rolfe, Baron Corvo (1913)

Frederick Rolfe è sepolto nel settore VII, attualmente non accessibile per lavori di restauro.

 

Indirizzo: Corso Novara 135, Torino
sito Sitocimiteritorino.it 
orario Orari di apertura: dal martedì alla domenica. Con l'ora legale, 08.30–17.30. Con l'ora solare, 8.30-16.00. I giorni festivi, 08.30-12.30. La sezione ebraica è chiusa in giorni particolari. Controllare il sito ufficiale.

Situato nel quartire di Vanchiglietta, un tempo veniva chiamato "Cimitero generale", ma oggi è più comunemente indicato come "Cimitero monumentale" per la presenza di numerose tombe di artisti e intellettuali. È il più grande di Torino e al suo interno si trova anche una sezione dedicata alla comunità ebraica ed evangelica.
A causa del progressivo aumento della popolazione, a inizio Ottocento divenne necessario dotare la citta di strutture adeguate, soprattutto per la salvaguardia della salute pubblica.
Il progetto del cimitero fu approvato nel 1827, grazie anche ad una donazione del marchese Tancredi Falletti di Barolo, e fu inaugurato il 5 novembre 1829 su progetto dell'architetto Gaetano Lombardi. Fu ampliato diverse volte e subì anche un bombardamento la notte del 13 luglio 1943, che causò numerosi danni.
Tra le sepolture illustri ci sono il cantautore Fred Buscaglione, il Premio Nobel per la Medicina Rita Levi Montalcini, il conduttore televisivo Mike Bongiorno, alcuni calciatori del Grande Torino, il politico Vincenzo Gioberti, il patriota Massimo D'Azeglio

Il cimitero è stato anche set cinematografico dei film “ Il gatto a nove code” e “ Non ho sonno” di Dario Argento.

Come raggiungerlo: Linee GTT: 68 – 77 – 75 – 19
Ci sono diversi ingressi laterali, da corso Regio Parco, da via Zanella, da via Pindemonte e da via Varano, tuttavia l'ingresso principale è in Corso Novara 135.

Tra le tombe delle personalità legate al mondo letterario troviamo:

Edmondo De Amicis (1908)

Posizione: “Quinta ampliazione, arcata 223”.

Arturo Graf (1913)

Amalia Guglielminetti (1941)

Carolina Invernizio (1916)

Primo Levi (1987)

Posizione: “Campo  Israelitico 1, Campo comune B, posizione 25”.

Franco Lucentini (2002)

Alberto Nota (1847)

Nino Oxilia (1917)

Silvio Pellico (1854)

Mario Soldati (1999)

Annie Vivanti (1942)

 

Indirizzo: 3, Boulevard Edgar Quinet, Parigi

Come arrivare: Con la metropolitana, linea 6 fermata Raspail.
gratis  Ingresso libero
orario Orari di apertura: dal 6 novembre al 15 marzo: lunedì-venerdì 08.00-17.30, sabato 08.30-17.30, festivi 09.00-17.30. Dal 16 marzo al 5 novembre: lunedì-venerdì 08.00-18.00, sabato 08.30-18.00, festivi 09.00-18.00.

Aperto nel 1824 su una superficie di 19 ettari, è il secondo cimitero più grande di Parigi, dopo il Père-Lachaise. Viene realizzato all'inizio del diciannovesimo secolo nella zona sud di Parigi assieme ad altri due importanti cimiteri, il Père-Lachaise a est e quello di Montmartre a nord.
In questa zona all'epoca sorgevano tre antiche fattorie, del quale faceva parte il mulino tuttora esistente. Quando con la Rivoluzione Francese questi terreni appartenenti al clero vennero confiscati, vi furono sepolti i poveri che morivano negli ospedali e che non potevano permettersi servizi funebri.
Con il tempo il Cimitero di Montparnasse è diventato un cimitero di artisti e intellettuali, non solo francesi, ma anche stranieri che hanno fatto di Parigi la propria città d'elezione.
Charles Baudelaire, Samuel Beckett, Guy de Maupassant, Marguerite Duras, Eugène Ionesco, Jean-Paul Sartre e Simone de Beauvoir sono sepolti qui.
Oltre alle personalità legate al mondo letterario, nel cimitero ci sono le tombe di altri personaggi illustri come lo scultore Costantin Brancusi, il pittore Chaim Soutine, il fotografo Man Ray, il fondatore dell'omonima casa automobilistica André Citroën, il cantante Serge Gainsbourg, il compositore Camille Saint-Saëns, il fumettista Jean Giraud in arte Moebius, numerosi attori e registi come Philippe Noiret e Jacques Becker.

Ci sono quattro ingressi e la mappa del cimitero è disponibile all'ingresso di ognuno di essi.

Tra le tombe delle personalità legate al mondo letterario troviamo:

Charles Baudelaire

Nel cimitero di Montparnasse oltre alla tomba del poeta si trova anche un cenotafio che lo commemora.

 

Simone de Beauvoir e Jean Paul Sartre

Samuel Beckett 

Alphonse Boudard

Julio Cortázar

Robert Desnos

Marguerite Duras

Stéphane Hessel

Joris-Karl Huysmans

Eugène Ionesco

Joseph Kessel

Guy de Maupassant

Catulle Mendès

Charles Augustin de Sainte-Beuve

Susan Sontag

Tristan Tzara

César Vallejo

Altri scrittori sepolti qui

Raymond Aron (1983)
Aloysius Bertrand (1841)
Paul Bourget (1935)
Roger Caillois (1978)
Emil Cioran (1995)
François Coppée (1908)
Charles Cros (1888)
Léon-Paul Fargue (1947)
Carlos Fuentes (2012)
Henry Gauthier-Villars (1931)
Gustave Kahn (1936)
Maurice Leblanc (1941)
Leconte de Lisle (1894)
Pierre Louÿs (1925)
Claude Mauriac (1996)
Jules Sandeau (1883)
Georges Schehadé (1989)
Pierre Seghers (1987)
Henri Troyat (2007)

 

Milan Kundera

Milan Kundera, nel suo romanzo L'insostenibile leggerezza dell'essere, ambienta una scena nel cimitero di Montparnasse.

   Era tutto fatto di casette, di cappelle in miniatura costruite sopra le tombe. Sabrina non capiva perché i morti volessero sopra di sé delle imitazioni di palazzi. Quel cimitero era la presunzione fatta pietra. Invece di diventare più ragionevoli dopo la morte, gli abitanti del cimitero erano ancora più sciocchi che non in vita. Mettevano in mostra sulle lapidi la propria importanza. Qui erano sepolti non padri, fratelli, figli o nonne, ma notabili e funzionari pubblici, portatori di titoli, gradi e onorificenze; persino un impiegato delle poste ostentava la sua posizione, il suo significato sociale - la sua dignità.
   Camminando lungo un viale del cimitero, vide che poco lontano stavano seppellendo qualcuno. [...] Sabina vi si chinò sopra, la fossa era molto profonda. Lasciò cadere il fiore che scese in piccole spirali e si posò sulla bara. Tombe così profonde in Boemia non ce ne sono. A Parigi le tombe sono tanto profonde quanto le case sono alte. Lo sguardo le cadde sulla pietra tombale, poggiata a lato della fossa. Quella pietra le mise paura e si affrettò a tornare a casa.
     Kundera, Milan, L'insostenibile leggerezza dell'essere, trad. Giuseppe Dierna, Milano, Adelphi Edizioni, 1985, p.129.

I luoghi di Italo Svevo

Italy Trieste

Targa commemorativa sulla casa natale

La targa commemorativa recita: "In questa casa / affacciata sul viale voluto da / Domenico Rossetti / ebbe i natali / il 19 dicembre 1861 / Ettore Schmitz / che col nome di / Italo Svevo / scrittore e romanziere / nelle profonde pagine / Trieste riflesse / e la arricchì della sua gloria --- Il Comune nel MCMLXI".
Svevo visse in questa casa fino al 1881.
Indirizzo: Viale XX settembre 16 (già Via dell’Acquedotto 16), Trieste

   

 

Casa di Svevo (anni giovanili)

Qui abitava la famiglia Schmitz dopo il trasferimento da via dell'Acquedotto, nel periodo in cui il giovane Svevo lavorava alla banca Union.
Indirizzo: Via Battisti 12 (già Corsia Stadion 12)

 

 

Statua di Italo Svevo

Realizzata dallo scultore Nino Spagnoli e installata nel 2004, si trova in Piazza Hortis.
Indirizzo: Piazza Hortis, Trieste

Busto in bronzo nel Giardino pubblico "Muzio de Tommasini" vai-alla-pag 18x18

Museo sveviano vai-alla-pag 18x18

Cinema Teatro "Italia"

Come indica una targa apposta sull'edificio, qui si trovava la sede del giornale irredentista "L'indipendente", pubblicato dal 1877 al 1923, a cui collaborò Italo Svevo pubblicando sulle sue pagine L'assassinio di via Belpoggio (1890) e Senilità (1898). Questo luogo è legato anche ad Umberto Saba, che nello stesso edificio dove si trovava il Cinema-Teatro "Italia", lavorò qualche mese nel 1919 come pubblicista per i film in programmazione.
Indirizzo: Via Dante Alighieri 3 (già via S. Antonio), Trieste

Biblioteca Civica Attilio Hortis

Descritta in Una vita (1892) era un posto frequentato spesso dallo scrittore. L'edificio fu costruito a cavallo tra Sette e Ottocento e divenne Biblioteca Civica nel 1820, dopo essere stata Imperial Regia Accademia di Commercio e Nautica. Nel 1950 la biblioteca è stata intitolata a Attilio Hortis, uno studioso e politico che ne fu direttore dal 1873. Oggi la biblioteca civica si trova in Via Madonna del Mare, mentre in Piazza Hortis è rimasta l'Emeroteca "Fulvio Tomizza".
Indirizzo: Piazza Hortis 4, Trieste

Portici di Chiozza

Agli inizi dell'Ottocento questa zona era di proprietà dell'imprenditore genovese Carlo Luigi Chiozza che fece costruire un complesso di edifici conosciuto come "Isola di Chiozza", su progetto di Antonio Mollari, poi demolito nel 1857 quando viene acquisito dalle Assicurazioni Generali, che vi edificano un nuovo complesso. Qui si trovavano alcuni caffè storici come il caffè "Portici di Chiozza", frequentato da Svevo, che il 23 maggio 1915 fu devastato dai gruppi anti-italiani a seguito della dichiarazione di guerra dell'Italia all'Austria.

Studio di Veruda

A pochi passi dai portici di Chiozza si trovava lo studio dell'amico pittore Umberto Veruda, ispirazione per il personaggio di Stefano Balli in Senilità.
Indirizzo: via Carducci 20, Trieste

Ex Caffè Fabris vai-alla-pag 18x18

Teatro comunale "G. Verdi"

Il Teatro comunale "G. Verdi" fu inaugurato il 21 aprile 1801, costruito su progetto degli architetti Gian Antonio Selva (che ha progettato anche il Teatro La Fenice di Venezia) e Matteo Pertsch (a cui si deve soprattutto la facciata principale, da non confondere con la facciata che dà sul mare, realizzata nel 1884 dall'ingegnere Eugenio Geiringer). Inizialmente si chiamava "Teatro Nuovo", poi divenne "Teatro Grande" nel 1820 ed infine fu intitolato al compositore Giuseppe Verdi nel 1901.
Frequentato anche da James Joyce che lo descrive in Giacomo Joyce, Svevo vi si recava spesso accompagnato dalla moglie Livia Veneziani, nonostante lo scrittore fosse maggiormente interessato agli spettacoli di prosa, come quelli messi in scena al Teatro Rossettii e al Teatro Filodrammatico. Il Teatro Verdi viene citato anche in Senilità.
Indirizzo: Riva 3 Novembre, 1, Trieste

Politeama Rossetti vai-alla-pag 18x18

Scuola superiore di commercio "Revoltella"

Svevo frequenta questo istituto per due anni, dal 1878 al 1880, e vi tornerà nel 1891 come insegnante di corrispondenza commerciale. Sarà grazie al suo interessamento che l'amico James Joyce verrà preso come insegnante di inglese in questa stessa scuola nel 1913.
Indirizzo: via Carducci 12, Trieste

Berlitz School

Svevo si iscrisse al corso di inglese della Berlitz School per seguire gli affari della ditta di vernici della famiglia della moglie, i Veneziani, presso cui lavorava e che aveva aperto una filiale a Londra. Qui incontra James Joyce con cui instaurerà un rapporto di amicizia e stima che proseguirà quando lo scrittore irlandese andrà a dare ripetizioni di inglese a casa di Svevo
Indirizzo: via San Nicolò 32, Trieste

 

 

Filiale della Banca Union in cui lavorò

Svevo inizia a lavorare presso la filiale n° 12 della Banca Union di Vienna, all'epoca sita in Galleria Tergesteo, Scala I, quando abbandona gli studi nel 1880 a causa di problemi economici familiari. Sono gli anni in cui Svevo scriverà Una vita, il cui protagonista, Alfonso Nitti, è un impiegato di banca. Abbandonerà questo lavoro nel 1898 quando, dopo il matrimonio con Livia Veneziani, andrà a lavorare presso la ditta di vernici della famiglia di lei.
Indirizzo: via Einaudi 1, Trieste

Scuola elementare

Ettore Schmitz frequenta con i fratellila scuola elementare ebraico israelita dell'allora vice-rabbino di Trieste Sabbato Raffaele Melli che si trovava nella casa dello stesso Melli, sita nell'odierna via Gallina 5. Dal 1872 passerà alla scuola commerciale privata di Emanuele Edeles.
Indirizzo: via Gallina 5 (già via della Legna), Trieste

Società letteraria "Minerva" e "Lega Nazionale"

Svevo fu socio e promotore della Società letteraria triestina "Minerva" e dell'associazione "Lega Nazionale", fondata nel 1891 che promuoveva la diffusione della lingua e della cultura italiana quando Trieste faceva ancora parte del territorio austriaco.
Indirizzo: via del Pesce 4, Trieste

 

United Kingdom Londra

Targa commemorativa sull'edificio in cui visse

La targa commemorativa, rotonda e di colore blu, è stata inaugurata il 22 settembre 1999 e recita: "Ettore Schmitz alias 'Italo Svevo' 1861-1928 writer lived here 1903-1913".
Indirizzo: 67 Charlton Church Lane, Londra
macchina-fotografica

 

Indirizzo: Via Caio Cestio, 6

sito Sitocemeteryrome.it 
gratis Ingresso gratuito.

Il Cimitero Acattolico di Roma, detto anche "Cimitero degli Inglesi" o "Cimitero del Testaccio", si trova nel quartiere romano di Testaccio, a fianco della Piramide Cestia.

Famoso per ospitare la tomba di personaggi illustri come John Keats e Percy Bysshe Shelley, le sue origini risalgono alla seconda metà del Settecento, anche se la prima sepoltura, ritrovata nel 1928 durante gli scavi alla Piramide Cestia, si ritiene sia quella di Langhton, studente venticinquenne di Oxford, morto nel 1738 a seguito di una caduta da cavallo.

Fino agli inizi del Settecento gli "impenitenti", ovvero tutti coloro che non professavano la fede cattolica o appartenevano a ceti moralmente e socialmente infimi, venivano seppelliti al Muro Torto, presso la Porta Pinciana, al confine con villa Borghese. Infatti lo Stato Pontificio non permetteva la loro inumazione in chiesa o sul proprio territorio, considerata terra consacrata. I protestanti dei ceti sociali più elevati, che arrivavano a Roma per il Grand Tour, non potevano però accettare una sepoltura in un luogo degradante come il Muro Torto, assieme a prostitute, suicidi e criminali. Così il Vaticano concesse che venisse istutuzionalizzato un cimitero destinato agli acattolici nella zona adiacente alla Piramide di Caio Cestio.
Le prime sepolture degli acattolici avvenivano di notte, per evitare manifestazioni di fanatismo religioso. Inizialmente le tombe dei protestanti non avevano lapidi o segni di riconoscimento e inoltre non c'erano mura a proteggere le tombe: secondo alcune cronache del 1810, frequenti erano gli atti vandalici ai danni delle stesse.
Nel 1817, i rappresentanti diplomatici di Prussia, Hannover e Russia richiedettero allo Stato Pontificio di poter recintare a proprie spese un'area per adibirla a cimitero, la stessa che oggi è indicata come "zona vecchia", mentre la parte più antica è quella a ridosso della Piramide Cestia, delimitata nel 1824 solo con un fossato, per anni unica difesa del cimitero.
Il cimitero fu aperto ufficialmente nell'ottobre 1821, visto il crescente numero di visitatori stranieri a Roma, che talvolta morivano in città. È il caso di John Keats, deceduto il 23 febbraio proprio di quell'anno.
Nel 1894 l'Ambasciata di Germania acquistò un'altra porzione di terreno adiacente e nel 1898 fu costruita una cappella, progettata dall'architetto tedesco Andreas Holzinger.
Oggi il cimitero è gestito da un'associazione privata, formata da 14 ambasciate che hanno sede in Roma e che hanno connazionali qui sepolti (Australia, Canada, Danimarca, Germania, Finlandia, Grecia, Paesi Bassi, Norvegia, Russia, Sudafrica, Svezia, Svizzera, Regno Unito e Stati Uniti).
Il cimitero acattolico è stato prevalentemente destinato a stranieri di qualsiasi nazionalità e di religione non cattolica, ma in alcuni casi è stata concessa la sepoltura ad italiani illustri atei o di credo non cattolico.
La mappa del cimitero è disponibile online oppure si può acquistare presso il Centro Visitatori del cimitero.

Come arrivare: con la metropolitana, Linea B fermata Piramide. Con l'autobus, linee 3, 23, 30, 60, 75, 95, 175, 280.

 

Tra le tombe delle personalità legate al mondo letterario troviamo:

Robert Michael Ballantyne (1894)
Dario Bellezza (1805)
Andrea Camilleri (2019)
Gregory Corso (2001)
Luce D'Eramo (2001)
Carlo Emilio Gadda (1973)
Antonio Gramsci (1937)
John Keats (1821)
Myriam Mafai (2012)
Axel Munthe (1949)
Amelia Rosselli (1996)
Percy Bysshe Shelley (1822)
John Addington Symonds (1893)
Edward John Trelawny (1881)
Juan Rodolfo Wilcock (1978)

Antonio Gramsci

Carlo Emilio Gadda

Carlo Emilio Gadda morì a Roma il 21 maggio 1973 e fu sepolto nel Cimitero di Prima Porta, ma nel 2000 le ceneri sono state traslate nel cimitero del Testaccio.
L'iscrizione sulla tomba recita: "Qui nel cuore antico / e sempre vivo / di sogni e d'utopie / Roma dà asilo / alle spoglie di / Carlo Emilio Gadda / geniale e studioso artista / dalle forti passioni / morali e civili / signore della prosa / Milano 1893 - Roma 1973".

John Keats

La tomba di Keats si trova in una piccola aiuola nei pressi della Piramide Cestia. Il nome di Keats non è indicato, ma è ben riconoscibile perché sulla sua superficie è scolpita una lira in bassorilievo. Inoltre è presente un'iscrizione che recita: This Grave contains all that was mortal, of a YOUNG ENGLISH POET, who on his Death Bed, in the Bitterness of his heart, at the Malicious Power of his enemies, desired these words to be Engraven on his Tomb Stone: Here lies One Whose Name was writ in Water. Feb 24th 1821.

Keats aveva chiesto che sulla lapide venisse incisa la sola frase "Here lies One Whose Name was writ in Water", ma gli amici Joseph Severn e Charles Brown, che l'avevano assistito durante la malattia, fecero aggiungere il resto. Quando Severn morì il 3 agosto 1879 fu sepolto accanto a Keats e tra i due riposa il figlio neonato di Severn.

Percy Bysshe Shelley

Shelley era morto a seguito del naufragio della sua goletta, l'"Ariel", nel golfo della Spezia l'8 luglio 1822. Dieci giorni dopo il corpo senza vita di Shelley fu ritrovato sulla costa nei pressi di Viareggio. Gli amici ByronTrelawny e Hunt lo cremarono sul posto. Le sue ceneri riposano nel Cimitero del Testaccio, mentre il cuore, estratto dalla pira, venne custodito dalla moglie Mary Shelley e alla sua morte venne sepolto nello stesso luogo dove si trova la tomba di lei, nel cimitero della St Peter's Church, a Bornemouth, nel Dorset (Inghilterra).
L'epigrafe riprende alcuni versi tratti da La tempesta di Shakespeare pronunciati da Ariel, lo spirito dell'aria, lo stesso che dava il nome alla goletta di Shelley: "Nothing of him that doth fade / but doth suffer a sea change / into something rich and strange".

 

autori-correlati-75px luoghi-correlati-75px libri-correlati-75px articoli-sul-blog-75px

 

Autori correlati

Sebastian Barry

Drammaturgo, scrittore e poeta nato a Dublino nel 1955. Una delle sue opere più famose è Il segreto (2008).

Trinity College


Samuel Beckett


Brendan Behan

Targa commemorativa

Nella pavimentazione di fronte al Palace Bar, in Temple Bar, si trovano una serie di targhe in bronzo che ritraggono quattro famosi personaggi dublinesi e riportano alcune loro citazioni: Brendan Behan, Patrick Kavanagh, Flann O'Brien, Con Houlihan (giornalista sportivo). Le targhe sono state realizzate da Jarlath Daly nel 2011.
Indirizzo: Palace Bar, 21 Fleet Street, Dublino.

Statua commemorativa

La statua, sulla banchina del Royal Canal, ritrae Behan seduto su una panchina ed è stata realizzata da John Coll nel 2003. La scultura guarda verso la Mountjoy Prison dove lo scrittore è stato incarcerato dal il 1942 al 1946 con l'accusa di tentato omicidio ai danni di due investigatori. Lo sguardo di Behan è rivolto a un uccello posato sulla spalliera della panchina: osservando attentamente il volatile si possono scorgere le note della canzone The Coolin (in gaelico An Chúilfhionn) che lo scrittore amava cantare. I triangoli sulla panchina rappresentano invece una delle sue più famose canzoni, The Auld Triangle
Indirizzo: Royal Canal, presso l'incrocio tra Bóthar Whitworth e Drumcondra Road, Dublino

Literary Parade, St. Patrick's Park 

Tomba nel cimitero di Glasnevin


George Berkeley

(1685-1753) Filosofo irlandese considerato uno dei tre grandi empiristi britannici assieme a John Locke e David Hume.

Trinity College


Eavan Boland

Nata nel 1944 a Dublino, è autrice di una vasta produzione poetica.

Trinity College


John Boyne

Nato nel 1971 a Dublino, è famoso principalmente per il romanzo Il bambino con il pigiama a righe (2006) da cui è stato tratto il film omonimo.

Trinity College


Edmund Burke

(1829-1897) Politico, filosofo e scrittore britannico, nasce a Dublino dove frequenta il Trinity College. Tra le sue opere più note c'è la critica alla Rivoluzione Francese Riflessioni sulla rivoluzione in Francia.

Trinity College


Austin Clarke

Literary Parade, St. Patrick's Park 


Eoin Colfer

Nato in Irlanda, a Wexford, nel 1965, è particolarmente noto per la saga di libri fantasy per ragazzi Artemis Fowl.

Trinity College


William Congreve

(1670-1729) Drammaturgo inglese, maggiore esponente della Commedia della Restaurazione. La sua commedia più famosa è The Way of the World (1700).

Trinity College


Eilish Dillon

Literary Parade, St. Patrick's Park 


James Patrick Donleavy

Scrittore irlandese di origine statunitense nato nel 1926, deve la sua fama soprattutto al suo primo romanzo, The Ginger Man (1955).

Trinity College


Anne Enright

Nata a Dublino nel 1962, con il suo romanzo La Veglia ("The Gathering") ha vinto il Booker Prize nel 2007.

Trinity College


George Farquhar

(1678-1707) Commediografo irlandese noto soprattutto per l'opera La coppia fedele (1699). Altre sue opere famose sono L'ufficiale reclutatore ("The Recruiting Officer", 1706) e Lo stratagemma dei cicisbei ("The Beaux' Stratagem", 1707).

Trinity College


Samuel Ferguson

Targa commemorativa

La targa recita: "Sir Samuel Ferguson / 1810 - 1886 / poet & antiquarian / lived here".
Indirizzo: North Great George's Street (di fronte al James Joyce Centre), Dublino


Brian Friel

Scrittore e drammaturgo (1929-2015)

Statua commemorativa

Una statua che raffigura lo scrittore è stata realizzata da Neil C. Breen nel 1994 in coppia con quella che ritrae un altro drammaturgo contemporaneo, John B. Keane. Si trova al piano terra della Warrington House ed è visibile dall'esterno perché la vetrata si affaccia sulla strada.

Indirizzo: 2 Mount Street Crescent, Dublino


Oliver St. John Gogarty

   

Trinity College

Targa sulla casa natale

La targa recita: "Senator / Oliver St. John Gogarty (1878 - 1957) / Surgeon, poet, statesman / was born / in this house".
Indirizzo: 5 Parnell Square East, Dublino

Targa sulla casa in cui ha vissuto

La targa recita: "Oliver St. John Gogarty / Poet and surgeon / had rooms here / 1915-1917".
Indirizzo: 27 St Stephen's Green, Dublino

 

Statua di Gogarty con James Joyce

Tra i tavoli del "The Oliver St. John Gogarty Bar & Restaurant" si trova questa statua che raffigura Gogarty, seduto su una panchina mentre chiacchiera con Joyce, in piedi di fronte a lui. Le due sculture in bronzo sono state realizzate da Hugh Hanratty e si trovano sul lato del locale che dà in Anglesea Street. 
Indirizzo: Anglesea Street, Temple Bar, Dublino


Oliver Goldsmith

(1730-1774) Scrittore e drammaturgo irlandese, la sua opera più famosa è Il vicario di Wakefield ("The Vicar of Wakefield", 1766)

Trinity College


Lady Augusta Gregory

(1852-1932) Scrittrice e drammaturga irlandese, fu cofondatrice con William Butler Yeats dell'Abbey Theatre, dove furono portate in scena alcune sue opere.

Abbey Theatre vai-alla-pag 18x18


Séamus Heaney

Trinity College


James Joyce


Patrick Kavanagh

Statua commemorativa

La statua è stata realizzata da John Coll nel 1991 e rappresenta il poeta seduto su una panchina. La posizione della scultura è stata ispirata dalla poesia dello stesso Kavanagh Lines Written on a Seat on the Gran Canal, Dublin (Versi scritti seduto di fronte al Gran Canal, Dublino)  e si trova a pochi passi da 63 Pembroke Road, dove il poeta ha vissuto.
Indirizzo: Wilton Terrace, Dublino

Targa commemorativa

Nella pavimentazione di fronte al Palace Bar, in Temple Bar, si trovano una serie di targhe in bronzo che ritraggono quattro famosi personaggi dublinesi e riportano alcune loro citazioni: Brendan BehanPatrick KavanaghFlann O'BrienCon Houlihan (giornalista sportivo). Le targhe sono state realizzate da Jarlath Daly nel 2011.
Indirizzo: Palace Bar, 21 Fleet Street, Dublino.


John B. Keane

Scrittore e drammaturgo originario della contea di Kerry (1928-2002)

Statua commemorativa

Una statua che raffigura lo scrittore è stata realizzata da Neil C. Breen nel 1994 in coppia con quella che ritrae un altro drammaturgo contemporaneo, Brian Friel. Si trova al piano terra della Warrington House ed è visibile dall'esterno perché la vetrata si affaccia sulla strada.

Indirizzo: 2 Mount Street Crescent, Dublino


Brendan Kennelly

Poeta e scrittore nato nel 1936, è stato fino al 2005 professore di Letteratura Moderna al Trinity College di Dublino.

Trinity College


William Larminie

(1849-1900) Poeta irlandese, le cui due raccolte poetiche si intitolano Glanlua and Other Poems (1889) e Fand and Other Poems (1890)

Trinity College


Sheridan Le Fanu

Trinity College

Targa commemorativa

La targa recita: "Joseph Sheridan Le Fanu / 1814 - 1873 / writer / lived here".
Indirizzo: 70 Merrion Square, Dublin


Michael Longley

Trinity College


Patrick MacDonogh

Trinity College


Derek Mahon

Trinity College


James Clarence Mangan

Statua commemorativa

Il busto di Mangan è stato realizzato nel 1909 da Oliver Sheppard su commissione della National Literary Society per celebrare il centenario dalla nascita del poeta. Sul pilastro che regge la scultura è ritratta Róisín Dubh ("rosa nera"), probabilmente una delle figlie di Aodh Mór Ó Néill, conte di Tyrone alla fine del XVI secolo, che dà il titolo all'omonima canzone di stampo politico attribuita a Antoine Ó Raifteiri e tradotta per la prima volta dal gaelico in inglese dallo stesso Mangan col titolo Dark Rosaleen.
Indirizzo: St. Stephen's Green, Dublino

Literary Parade, St. Patrick's Park 

Trinity College

Tomba nel cimitero di Glasnevin


Paula Meehan

Trinity College


Sydney Morgan

Targa commemorativa

La targa recita: "Sydney Owenson / (Lady Morgan) / Writer and patriot / lived on this site / 1813-1837".
Indirizzo: Kildare Street, Dublino


George William Russell

Targa commemorativa

La targa recita: "George William Russell / AE / 1867-1935 / poet, mystic, painter, / co-operator / worked here".
Indirizzo: Plunkett House, 84 Merrion Square, Dublino

Statua commemorativa

La statua è stata realizzata da Jerome Connor nel 1985 e si trova nel parco in Merron Square. Rappresenta il volto di Russell rivolto verso il basso forse alludendo all'aneddoto del suo mancato incontro col poeta William Butler Yeats, che viveva in Merrion Square a pochi passi dall'ufficio di Russell: un giorno decisero simultaneamente di incontrarsi ma mentre si stavano incrociando, Yeats stava osservando qualcosa rivolto verso l'alto mentre Russell, così come rappresentato nella scultura, era immerso nei suoi pensieri guardando verso il basso.
Indirizzo: Merrion Square, Dublino


Thomas Southerne

Trinity College


John Millington Synge

Trinity College

Literary Parade, St. Patrick's Park 

Abbey Theatre vai-alla-pag 18x18


Seán O'Casey


Flann O' Brien

Targa commemorativa

Nella pavimentazione di fronte al Palace Bar, in Temple Bar, si trovano una serie di targhe in bronzo che ritraggono quattro famosi personaggi dublinesi e riportano alcune loro citazioni: Brendan BehanPatrick KavanaghFlann O'BrienCon Houlihan (giornalista sportivo). Le targhe sono state realizzate da Jarlath Daly nel 2011.
Indirizzo: Palace Bar, 21 Fleet Street, Dublino.


Bram Stoker


Jonathan Swift


William Butler Yeats


George Bernard Shaw


Nahum Tate

Trinity College


Rabindranath Tagore

Busto commemorativo in St. Stephen's Green

Nel parco St. Stephen's Green si trova un busto che ritrae il poeta indiano inaugurato il 17 ottobre 2011 per i 150 anni dalla sua nascita. Tagore era amico del premio Nobel irlandese W.B. Yeats il quale aveva scritto l'introduzione per la traduzione inglese di Geetanjali.
Indirizzo: St. Stephen's Green, Dublino


Oscar Wilde


Luoghi correlati

Trinity College

Literary Parade, St. Patrick's Park

Abbey Theatre

Cimitero di Glasnevin


Leggere prima di partire per... Dublino

Narrativa

James Joyce, Ulisse
James Joyce, Gente di Dublino
Brendan O'Carroll, Agnes Browne mamma

 

Indirizzo: 16 Rue du Repos, Parigi
sito Sitopere-lachaise.com (tour virtuale del cimitero)
gratis Ingresso gratuito.

Il cimitero del Père-Lachaise è uno dei cimiteri più famosi al mondo. Ospita le tombe di numerosi scrittori ma anche musicisti e cantanti, (da Fryderyk Chopin a Jim Morrison), pittori (Pisarro, Modigliani, Delacroix, CorotDoré), attori (Sarah Bernhardt, Marcel Marceau), e poi la cantante Édith Piaf, il fotografo Nadar, rivoluzionari, filosofi, politici, giornalisti di molte nazionalità europee.

Primo cimitero civile di Parigi, fu costruito fuori dagli spazi urbani e aperto nel 1804. Ad esso si aggiunsero altri tre cimiteri in differenti zone della città: a nord il Cimitero di Montmartre, a ovest quello di Passy e a sud quello di Montparnasse.
Progettato dall'architetto Alexandre-Théodore Brongniart, il Père-Lachaise prende il nome dal gesuita  François d'Aix de La Chaise, confessore del re di Francia Luigi XIV e proprietario dei terreni su cui fu costruito il cimitero.

Quando fu aperto il cimitero era ritenuto troppo lontano dalla città e quindi non attirava molte sepolture. Solo quando si iniziarono a traslare le salme dei personaggi famosi come Jean de la Fontaine, Molière, Abelardo e Eloisa, il cimitero acquistò un'aura di prestigio e le sepolture aumentarono fino alla necessità di espandere il cimitero per ben 5 volte.

Nel lato sud si trova il Muro dei Federati, dove il 28 maggio 1871 furono fucilati 147 comunardi, l'ultimo giorno della "Semaine Sanglante", quando la Comune di Parigi cadde definitivamente.

Tra le tombe delle personalità legate al mondo letterario troviamo:

Abelardo ed Eloisa (1142 e 1164)
Guillaume Apollinaire (1918)
Miguel Ángel Asturias (1974)
Honoré de Balzac (1850)
Pierre-Augustin Caron de Beaumarchais (1799)
Karl Ludwig Börne (1837)
Élémir Bourges (1925)

Colette (1954)
Auguste Comte (1857)
Benjamin Constant (1830)
Georges Courteline (1929)
Savinien Cyrano de Bergerac (1655)
Alphonse Daudet (1898)
Adrien Decourcelle (1892)
Vivant Denon (1825)
Paul Éluard (1952)
Jean de La Fontaine (1695)
Prosper-Olivier Lissagaray (1901)
Molière (1673)
Alfred de Musset (1857)
Gérard de Nerval (1855)
Anna de Noailles (1933)
Georges Perec (1982)
Eugène Pottier (1887)
Marcel Proust (1922)
Félix Pyat (1889)
Gertrude Stein (1946)
Jules Vallès (1885)
Oscar Wilde (1900)
Richard Wright (1960)

L'ingresso è gratuito ed è possibile ritirare una mappa con le indicazioni delle tombe famose all'ingresso principale.


Come arrivare: con la metropolitana, Stazione Père-Lachaise (linea 2-3) oppure stazione Philippe Auguste (linea 2), oppure stazione Gambetta (linea 3-3b). Con l'autobus: linee 61 e 69. 
La stazione Philippe Auguste è quella più vicina all'ingresso principale, mentre la stazione Père-Lachaise si trova a circa 500 metri da un ingresso laterale. La stazione Gambetta invece permette l'ingresso dal'entrata più vicina alla tomba di Oscar Wilde.

Twitter

TurismoLett 📚 Nella #NationalPortraitGallery di #Londra c'è anche questo famoso ritratto di #HenryJames che è stato... squarcia… https://t.co/J6Cs5vKH7i
TurismoLett 📚 Alla National Portrait di #Londra c'è anche il quadro delle sorelle #Brontë: è l'unico ritratto collettivo delle… https://t.co/6e5p5do8jU

Cerca


Ultimi articoli dal blog

Tra aneddoti e curiosità, i quadri letterari della National Portrait Gallery di Londra

di A.M. Se c'è un museo che a Londra mi entusiasma sempre quello è la National Portrait Gallery. Potrà sembrare una...Read More

Dino Buzzati a Villa dei Vescovi: reminiscenze letterarie nei Colli Euganei

di A.M. Siamo in provincia di Padova, dove una rete di paesi costituiscono il Parco letterario di Francesco Petrarca e dei Colli...Read More

Facebook LikeBox