c8e8a390b130aff90998a34cea127459.jpg
ca18ec6f0a3b9426c99d8e96482c8752.jpg
  • Itinerari
  • Città
  • Autori
  • LUOGHI
tl

Sydney

on 10/08/2018

autori-correlati-75px luoghi-correlati-75px libri-correlati-75px articoli-sul-blog-75px

 

Autori correlati

Hans Christian Andersen

Busto commemorativo


Robert Burns

Statua commemorativa


William Shakespeare

Statua commemorativa


 

Luoghi correlati

Sydney Writers Walk

La Sydney Writers Walk è costituita da una serie di targhe lungo l'International Passenger Terminal sul West Circular Quay. Ogni targa riporta una breve biografia dell'autore omaggiato e un estratto da una sua opera. Gli autori non sono soltanto di origine autraliana ma anche stranieri che hanno vissuto o visitato l'Australia, come D.H. Lawrence, Mark Twain e Rudyard Kipling.
Le targhe sono dedicate a (in ordine alfabetico):
Thea Astley, Faith Bandler, C. E. W. Bean, Christopher Brennan, Peter Carey, Joseph Conrad, Peter Corris,
Eleanor Dark, Charles Darwin , C. J. Dennis, Arthur Conan Doyle, Umberto Eco, Miles Franklin, May Gibbs, Mary Gilmore, Germaine Greer, Xavier Herbert, Dorothy Hewett, A. D. Hope, Robert Hughes, Barry Humphries, Clive James, George Johnston, Thomas Keneally, Rudyard Kipling, Ray Lawler, D. H. Lawrence, Henry Lawson, Jack London, Dorothea Mackellar, David Malouf, James A. Michener, Oodgeroo Noonuccal, Ruth Park, A. B. "Banjo" Paterson, Henry Handel Richardson, Nevil Shute, Kenneth Slessor, Christina Stead, Robert Louis Stevenson, Douglas Stewart, Kylie Tennant, Anthony Trollope, Ethel Turner, Mark Twain, Morris West, Patrick White, David Williamson, Judith Wright.
Indirizzo: dal West Circular Quay alla Opera House Forecourt, Sydney

 

Leggere prima di partire per... Sydney

Narrativa

The Harp in the South, Ruth Park, Angus & Robertson, Australia
L'occhio dell'uragano, Patrick White, Bompiani, 2015

 

Maiorca

on 10/08/2018

autori-correlati-75px luoghi-correlati-75px libri-correlati-75px articoli-sul-blog-75px

 

Autori correlati

Jorge Luis Borges

Borges visitò Maiorca nel 1919 e vi trascorse tre mesi nell'Hotel Universal in Calle San Miguel, a Palma, che oggi non esiste più. Qui scrisse le raccolte di poesie Los ritmos rojos (I ritmi rossi, versi sulla rivoluzione russa) e Los naipes del tahur (Le carte del baro). Prendeva lezioni di latino da un sacerdote della cattedrale di Palma, edificio maestoso che ispirò al poeta la poesia Catedral.
Borges tornò a Maiorca con la famiglia dal maggio 1920 al marzo 1921 soggiornando all'Hotel Continental di Palma. Durante questo periodo frequentò spesso i locali notturni, tra cui "Casa Elena", famoso per le belle ragazze, sul quale scrisse un articolo pubblicato nel 1921, Casa Elena. Verso un’estetica del lupanare in Spagna.


Albert Camus

Trascorse un periodo a Maiorca e Ibiza nell'estate del 1935 assieme alla prima moglie Simone, visitando i luoghi d'origine della madre. Era il suo primo viaggio fuori dall'Algeria e lo descrive nel saggio Amore di vivere, compreso nella raccolta Il rovescio e il diritto.


Agatha Christie

Non si conosce molto del soggiorno maiorchino di Agatha Christie, infittito di mistero così come i suoi gialli. Probabilmente trascorse un periodo sull'isola nel 1932 o 1933, in incognito, e tornò sull'isola nel 1935 soggiornando all'Hotel Illa d’Or. Sembra inoltre che abbia trascorso un periodo alla fine degli anni Cinquanta o Sessanta in una casetta di Port de Pollença.
La sua opera Intrigo alle Baleari (Problem at Pollensa Bay), che ha come protagonista il detective Parker Pyne, è ambientata a Maiorca.


Rubén Darío

La Certosa di Valldemossa

Il poeta nicaraguense trascorse un periodo a Maiorca nel 1906-7 e nel 1913, in cerca di un sollievo per la sua condizione di salute. Fu ospitato dalla famiglia Sureda proprietaria del Palacio del Rey Sancho, oggi attiguo al monastero della Certosa. Durante il suo secondo soggiorno iniziò a scrivere El oro de Mallorca, la sua autobiografia romanzata, rimasta incompiuta.
Indirizzo: Plaça de la Cartoixa, Valldemossa
sito Sito: cartujadevalldemossa.com 
a-pagamento Ingresso: a pagamento.
orario Orari: aperto lunedì al sabato; da aprile a ottobre aperto anche la domenica. Chiuso dal 10 dicembre al 9 gennaio. Per gli orari di apertura dettagliati consultare il sito ufficiale.


Robert Graves

Lo scrittore e saggista arrivò a Maiorca nel 1929 in cerca di un luogo tranquillo dove proseguire i suoi studi. Nel 1932 si fece costruire una casa, a cinque minuti a piedi da Deià, che chiamò Ca n'Alluny (in catalano "la casa lontana"). Fuggì dall'isola nel 1936 in seguito allo scoppio della guerra civile spagnola, ma vi ritornò 10 anni dopo stabilendosì qui in pianta stabile. Alla sua morte fu sepolto nell'isola e oggi la sua casa è diventata un museo.

Casa museo Ca n'Alluny

Lo scrittore si fece costruire questa casa nel 1932 quando arrivò con la compagna Laura Riding. Fuggito da Maiorca a seguito dello scoppio della guerra civile, vi ritornò con la nuova famiglia nel 1946 e qui visse fino alla morte.
Dopo la sua scomparsa, la casa è stata acquisita dalla Fundació Robert Graves che l'ha adattata a museo aprendola ai visitatori nell'estate del 2006. L'esposizione si snoda in due piani; nell'auditorium un video racconta la vita dello scrittore con l'ausilio di alcune interviste rilasciate alla BBC; le stanze mantengono gli arredi originali, così come il giardino, conservato com'era all'epoca, compresi alcuni alberi di agrumi che aveva piantato lo scrittore stesso.
Indirizzo: Carretera Deià a Sóller s/n., Deià
sito Sito: lacasaderobertgraves.org 
a-pagamento Ingresso: a pagamento.
orario Orari: dal 1° aprile al 31 ottobre, dal lunedì al venerdì 10-17, sabato 10-15. Dal 1° novembre al 30 marzo, dal lunedì al venerdì 9-16, sabato 9-14.

Tomba nel cimitero della Iglesia de San Juan Bautista

La piccola parrocchia del paese ospita la tomba dello scrittore, indicata da una semplice targa nel cimitero, sotto un grande cipresso.
Indirizzo: Carrer Reverendo Jerónimo Pons, Deià


D.H. Lawrence


George Sand

George Sand vi trascorse tre mesi nell'inverno del 1838-39 in compagnia di Frédéric Chopin che vi compose alcuni dei suoi più famosi Preludi (come il n°28 in re bemolle "Goccia d'acqua"). Il ricordo dell'isola che emerge dal suo diario di viaggio, Un inverno a Maiorca (1842), non è dei più lusinghieri a causa del tempo piovoso, la malattia del pianista e la fredda accoglienza degli abitanti del luogo (dovuta anche alla sua relazione con Chopin, considerata immorale all'epoca).

La Certosa di Valldemossa

Il monastero ospitò Chopin e George Sand durante il soggiorno maiorchino. Oggi custodisce un piccolo museo dedicato alla coppia. Conserva alcune partiture del pianista e due pianoforti "Pleyel" da lui suonati durante il periodo trascorso qui.
Indirizzo: Plaça de la Cartoixa, Valldemossa
sito Sito: cartujadevalldemossa.com 
a-pagamento Ingresso: a pagamento.
orario Orari: aperto lunedì al sabato; da aprile a ottobre aperto anche la domenica. Chiuso dal 10 dicembre al 9 gennaio. Per gli orari di apertura dettagliati consultare il sito ufficiale.


Gertrude Stein

Gertrude Stein trascorse vari soggiorni a Palma con la compagna Alice B. Toklas. Le due si fermarono le estati del 1911 e 1912 e in seguito dal maggio 1916 all'aprile 1919. Durante questo periodo Gertrude Stein scrisse molte delle commedie pubblicate come Mallorcan Stories in Geography and Plays e raccontò il soggiorno maiorcino nell'opera Autobiografia di Alice B. Toklas. Così come era successo a George Sand e Chopin, anche la sua relazione ritenuta scandalosa destò non poche chiacchiere tra gli isolani. 


 

Leggere prima di partire per... l'isola di Maiorca

Letteratura di viaggio

Un inverno a Maiorca, George Sand

 

Australia

on 10/08/2017

Ucraina

on 10/08/2017

 

Le città capolugo di regione (Oblast) sono in ordine alfabetico. Le località sono elencate sotto i relativi capoluoghi di provincia. (È possibile anche usare il modulo di ricerca per quelle città che ancora non hanno una pagina dedicata)

Leopoli (L'viv)

 

Odessa

 

 

Odessa

on 09/08/2018

autori-correlati-75px luoghi-correlati-75px libri-correlati-75px articoli-sul-blog-75px

 

Autori correlati

Isaak Babel'

Targa commemorativa sulla casa dove visse

La targa risale al 1964 e indica la casa in cui lo scrittore ha vissuto dal 1909 al 1924.
Indirizzo: via Rishelievska 17 (Ришельевская, 17), Odessa.

Monumento commemorativo

Inaugurato il 4 settembre 2011 a pochi passi dalla casa dove aveva vissuto lo scrittore, è stato finanziato da una raccolta fondi che ha premiato l'opera dello scultore moscovita Georgy Frangulyan, il cui bozzetto è stato selezionato tra 23 progetti di architetti da tutto il mondo. Nel monumento lo scrittore è raffigurato seduto con un'espressione triste: questa rappresentazione è stata criticata da alcuni estimatori di Babel', tra cui la figlia, che hanno sottolineato quanto in realtà fosse stata una persone allegra e ironica.

Indirizzo: via Rishelievska 17 (Ришельевская, 17), angolo con via Zhukovskoho (Жуковського), Odessa.
mappa Coordinate: 46.479843, 30.739669


Aleksandr Puškin

Odessa Pushkin Museum

Aperto nel 1961, il museo espone alcuni manoscritti originali dello scrittore ed è stato allestito nell'appartamento in cui Puškin visse dal 1823, quando fu esiliato da Mosca e trasferito a Odessa alle dipendenze del principe Michail Voroncov. Lo scrittore trascorse in città tredici mesi: per un mese soggiornò all'Hôtel du Nord, poi in questo appartamento. Durante questo periodo scrisse Evgeny Onegin e passò il tempo ai tavoli del noto ristorante francese Caesar Otton.
Puškin fu successivamente allonanato da Odessa e denunciato per attività sovversive dallo stesso principe Voroncov, il quale non aveva gradito le liriche amorose (e la liason) che lo scrittore aveva dedicato alla moglie Elisabetta.
All'esterno del museo si trova una scultura realizzata da A.V.Tokarev e inaugurata il 4 giugno 1999.
Indirizzo: via Pushkins'ka 13 (Пушкинская 13), Odessa
orario Orari di apertura: dal martedì alla domenica, 10-17.
sito Sitomuseum-literature.odessa.ua

Monumento commemorativo

Il primo monumento in Ucraina dedicato allo scrittore fu inaugurato nel 1889 sul viale Primorsky (un lungo viale alberato che conduce alla famosa scalinata Potëmkin) per commemorare i 50 anni dalla sua scomparsa. Realizzato dallo scultore J. Polonskaya e progettato dall'architetto A. Vasiliev, si tratta di un busto in brono che poggia su un piedistallo di granito.
Indirizzo: viale Prymorskyi (Приморський бульвар), Odessa.


Mark Twain

Twain visitò Odessa alla fine dell'estate 1867 e la descrisse nel suo libro Gli innocenti all'estero (Innocents abroad), in cui emerge il ritratto di una città moderna e cosmopolita, quasi americana. Lo scrittore fece un giro intorno al Mar Nero sul piroscafo a vapore americano "Quaker City" con a bordo numerosi pellegrini diretti da New York a Gerusalemme. Mark Twain era all'epoca inviato del "Daily Alta California" di San Francisco, oltre che di due testate newyorkesi, l'"Herald" e il "Tribune".

 

luoghi-correlati-75px

Luoghi correlati

Odessa Literary Museum

Inaugurato nel 1997 a pochi passi dal maestoso Teatro dell'Opera, è costituito da 24 sale che raccontano duecento anni di storia letteraria di Odessa e oltre 300 scrittori: Pushkin, Gogol', Mitskevich, Babel', Franko, Lesya Ukrainka, Korolenko sono solo alcuni dei più noti. In esposizione si trovano oggetti personali, manoscritti, prime edizioni dei loro libri e anche una grande sala, la Golden Hall, finemente decorata dove a farla da protagonista è un grande pianoforte a coda: secondo alcuni storici fu proprio qui che Franz Listz tenette un concerto.

Indirizzo: via Lanzheronovskaya 2, Odessa
sito Sitohttp://museum-literature.odessa.ua/
orario Orari di apertura: dal martedì alla domenica, 10-17

 

libri-correlati-75px

Leggere prima di partire per... Odessa

Narrativa

I racconti di Odessa, Isaak Babel' (recensione)

Twitter

TurismoLett 🏠🌷 Eccentrica ed estrosa, la #Chascona è una delle case di Pablo Neruda, che dedicava una cura amorevole all'arreda… https://t.co/tLA2kQUUgM
TurismoLett 🏠 Parlando ancora di case di scrittori... Questa stanza, si vede, è chiaramente ricostruita, ma abbastanza fedelmen… https://t.co/tCZyJBGTuD

Cerca


Ultimi articoli dal blog

Viaggiare con i libri: la collana "Passaggi di Dogana" di Giulio Perrone Editore (con intervista all'editore)

Viviamo un periodo inedito che ci costringe a rimanere a casa, sospesi nell'incertezza, chiusi fra quattro mura mentre affacciati...Read More

Da villa a Vittoriale: la monumentale dimora di D'Annunzio a Gardone Riviera

Avete mai fatto un trasloco? L'entusiasmo effervescente che si prova nell'entrare in una casa nuova, tutta vostra, tutta da...Read More

Facebook LikeBox