c8e8a390b130aff90998a34cea127459.jpg
ca18ec6f0a3b9426c99d8e96482c8752.jpg
  • Itinerari
  • Città
  • Autori
  • LUOGHI
tl

 

Bruxelles


Gand

Jan-Frans Willems

Targa commemorativa

La statua, realizzata da Isidoor de Rudder, è un omaggio allo scrittore fiammingo Jan-Frans Willems, considerato il padre del Movimento fiammingo, una corrente politica che promuoveva la cultura fiamminga durante il dominio francese.
Sul piedistallo si trovano due statue che raffigurano allegoricamente il Movimento fiammingo (Vlaamse Beweging) che rimuove il velo dalla Vergine fiamminga, una tipica rappresentazione della Madonna molto popolare nelle Fiandre durante il XIV e XV secolo.
Sul basamento si trovano rispettivamente in ciascun lato: il medaglione ovale che ritrae il profilo dello scrittore, una raffigurazione dell'inno fiammingo, una scena dal poema epico fiammingo Reynaert de Vos, un elenco di nomi dei protagonisti del Movimento fiammingo.
Indirizzo: Piazza Sint-Baafs, Gand


Liegi

Georges Simenon

Casa natale

Simenon nacque al numero 26 (ora 24) di rue Léopold. Sull'edificio si trova oggi una targa del percorso "Sur le traces de Georges Simenon", scritta in francese, nederlandese, tedesco e inglese. Spiega che lo scrittore nacque il 13 febbraio 1903 in un appartamento, al secondo piano di questo palazzo, che non aveva né acqua né gas. Temendo che il 13 potesse portare sfortuna al piccolo, la madre decise di cambiare giorno di nascita, che nei documenti ufficiali divenne il 12 febbraio.
Indirizzo: rue Leopold 24, Liegi

Edificio in cui ha vissuto lo scrittore

La famiglia Simenon visse al secondo piano di questo edificio dal 1905 al 1911, il cui indirizzo all'epoca era rue Pasteur 3. Sull'edificio si trova una targa del percorso "Sur le traces de Georges Simenon".
Indirizzo: rue Simenon 25, Liegi

Edificio in cui ha vissuto lo scrittore

Quando lasciarono la casa in Rue Pasteur, la famiglia Simenon affittò questa casa dal 1913 al 1917. Qui la madre dello scrittore subaffittava le stanze agli studenti. Sull'edificio si trova una targa del percorso "Sur le traces de Georges Simenon".
Indirizzo: Rue de la Loi 53, Liegi.

Statua e panchina commemorativa

Dietro il municipio, su una panchina al centro della piazza siede una statua che raffigura Georges Simenon mentre fuma la pipa, distendendo il braccio lungo la spalliera della panchina. Lo scrittore infatti da giovane era stato un cronista per la Gazette de Liège e qui veniva ad ascoltare il rapporto che la polizia faceva ai giornalisti per informarli dei fatti successi. Simenon, che era nato a Liegi, metteva spesso nei suoi romanzi i riferimenti a questa città. La statua è stata realizzata da Roger Lenertz e installata il 13 febbraio 2004.
Indirizzo: piazza Saint-Lambert, Liegi

Targa che ha ispirato Maigret

Sul lato dell'Hôtel de Ville che dà su Place du Marche, all'angolo con Rue de la Violette, si trova una targa che ricorda i poliziotti morti durante la Seconda guerra mondiale. Tra di essi si trova il nome di Arnold Maigret, da cui sembra lo scrittore abbia tratto il cognome del suo investigatore.
Indirizzo: Place du Marche, Liegi

Busto commemorativo

In Place du Congrès si trova un busto di Simenon. Un tempo aveva anche una pipa, ma è stata rimossa a seguito di un atto vandalico. In questa piazza il piccolo Georges veniva a giocare quando viveva nei dintorni.
Indirizzo: Place du Congrès, Liegi

Altro in questa categoria: « Paesi bassi Croazia »

Twitter

TurismoLett Oggi è il #BurnsDay! E questo è il museo a lui dedicato nel paese natale, #Alloway, in #Scozia! #burnssupperhttps://t.co/F0eg7XTiAF
TurismoLett 📚 Conoscete Foyles, storica libreria londinese nonché una delle più grandi della città?? Fondata nel 1903, questa… https://t.co/DJ3BjRDawF

Cerca


Ultimi articoli dal blog

Arquà e i Colli Euganei: sulle tracce di Francesco Petrarca

di A.M. C'è un paesino dove la vita scorre tranquilla e il tempo sembra essersi fermato. Si snoda tra vicoli ordinati e tralci...Read More

Li chiamavano "anglobeceri": inglesi e americani a Firenze tra Otto e Novecento

di A.M. Erano una comunità numerosa e parlavano un buffo toscano con accento anglosassone tanto che i fiorentini, con la loro...Read More

Facebook LikeBox