c8e8a390b130aff90998a34cea127459.jpg
ca18ec6f0a3b9426c99d8e96482c8752.jpg
  • Itinerari
  • Città
  • Autori
  • LUOGHI
  • Venezia

     

    Autori correlati Giorgio Baffo Targa commemorativa sull'edificio ...

    Read more

  • Kyoto
    Kyōto è stata l'antica capitale imperiale del Giappone dal 794 al 1868. Quando vi viene trasferita l...

    Read more

  • Roma


    Autori correlati  
    Vittorio Alfieri Hans Christian Andersen Lu...

    Read more

  • Pavia
    La città lombarda venne fondata dalle popolazioni liguri di epoca preromana e faceva parte della Gal...

    Read more

  • Siviglia

    La città andalusa fa da sfondo alle storia di Don Juan, ovvero Don Giovanni, un personaggi...

    Read more

  • Salisburgo
     
     

    Autori correlati Georg Trakl Il poeta austriaco Georg Trakl n...

    Read more

  • Parigi

     

    Autori correlati Abelardo e Eloisa Casa dello zio di Eloisa Qui ...

    Read more

  • Milano
    Il primo nucleo dove oggi sorge la moderna città è attestato al V secolo a.C. Popolata dagli insubri...

    Read more

  • Amsterdam


    Autori correlati Anna Frank Casa di Anna Frank La parte principale del museo con...

    Read more

  • Verona

    Autori correlati  
    Aleardo Aleardi Statua commemorativa La statua è stat...

    Read more

tl

Shakespeare and Company, Parigi

on 29/01/2018
Shakespeare and Company, Parigi ©pixabay.com

articoli-sul-blog-75px

Indirizzo (odierno): 37 rue de la Bûcherie, V arrondissement, Parigi.

Indirizzo (storico): 12 rue de l'Odeon, VI arrondissement, Parigi.

Shakespeare and Company è una storica libreria di Parigi. Fu aperta da Sylvia Beach, americana emigrata nella capitale francese, il 17 novembre 1919 al numero 8 di rue Dupuytren. Nel 1921 la spostò al numero 12 di rue de l'Odeon, a pochi passi da un'altra famosa libreria, la Maison des amis des livres, nella stessa via, gestita dall'eclettica Adrienne Monnier, che di Sylvia diverrà compagna di vita. 

Shakespeare and Company era specializzata in letteratura angloamericana: in breve tempo diventò inoltre il punto di riferimento della cosiddetta "Generazione perduta", un'etichetta coniata da Gertrude Stein e resa popolare da Ernest Hemingway, con la quale ci si riferiva a quel gruppo di scrittori che raggiunse la maggiore età negli anni della Prima guerra mondiale. Tra loro, oltre al già citato Hemingway, anche Francis Scott Fitzgerald, Ezra Pound, Henry Miller e altri.

Shakespeare and Company non era una solo una libreria: grazie all'iniziativa della sua libraria divenne presto anche un centro culturale, una sala di lettura e persino una biblioteca dove con una tessera di prestito si potevano prendere i libri per leggerli senza acquistarli.

Non si può non menzionare lo straordinario coraggio che Sylvia Plath dimostrò nel pubblicare l'Ulisse di James Joyce. Lo scrittore irlandese infatti era un assiduo frequentatore della libreria e Sylvia una sua cara amica: non solo gli dette fiducia e lo aiutò a pubblicare quell'opera scandalosa per l'epoca, ma lo sosteneva anche in caso di bisogno economico. 
Per quanto riguarda l'Ulisse, dopo che la pubblicazione a puntate sulla rivista The Egoist era stata interrotta perché ritenuta un'opera oscena, Sylvia decise di improvvisarsi editrice: incaricò tipografo di Digione di produrre il testo, la cui copertina era azzurra come il mare che lambisce le coste greche (patria dell'Ulisse omerico a cui si ispira quello joyciano), e così il 22 febbraio 1922 le prime due copie dell'opera arrivarono a Parigi. L'opera sottobanco e con difficoltà per il contenuto scandaloso: arrivò persino Stati Uniti, ma grazie a un amico di Hemingway che era riuscito a passare dal Canada nascondendo una copia nei pantaloni.

Tra gli innumerevoli scrittori e artisti che sono passati in quegli anni da Shakespeare and Company ci sono: André Gide (uno dei primi firmatari dell’acquisto dell’Ulysses), Valery Larbaud, Ezra Pound, Jules Romains, Paul ValéryLéon-Paul Fargue, Henry Miller, Anaïs Nin, André Chamson, Jean Prévost, Aldous Huxley.

Shakespeare and Company oggi

Quando la Francia fu invasa dai nazisti durante la Seconda guerra mondiale, Sylvia provò a fare una strenua resistenza: decise di rimanere a Parigi e non tornare negli Stati Uniti come molti suoi compatrioti, ma fu costretta poi a chiudere la libreria il 14 giugno 1940, non dopo aver nascosto tutti i libri per il timore che glieli requisissero.
Dopo la guerra la libreria non riaprì più, ma nel 1951 un altro americano, George Whitman decise di aprirne una a pochi passi dalla Senna e dalla Cattedrale di Notre-Dame, al numero 37 di rue de la Bûcherie. In pochi anni divenne un punto di ritrovo per lettori e scrittori, tra cui molti della Beat Generation, come William S. Burroughs, Allen Ginsberg, Gregory Corso. Nel realizzare la sua libreria, Whitman si era ispirato alla storica Shakespeare and Company e ottenne il plauso della sua ideatrice, Sylvia Beach appunto, che gli concesse il diritto di utilizzare il nome della sua vecchia libreria, che fu infatti cambiato in suo onore nel 1964, quando la nostra libraia morì.
La libreria di George Whitman è ancora oggi una delle mete più visitate dai turisti-lettori che si recano a Parigi. L’ambiente è accogliente e suggestivo, l’atmosfera calda e rilassante, proprio come Sylvia avrebbe voluto.
Oggi a gestire la libreria è un’altra Sylvia: Whitman, la figlia di George, il cui nome è stato scelto proprio in onore alla grande libraia fondatrice di Shakespeare and Company.

Al vecchio indirizzo, quello di rue de l'Odeon, oggi si trova una targa commemorativa che recita: "En 1922 / dans cette maison / M.elle Sylvia Beach publia / "Ulysses" / de James Joyce".

 

Ultima modifica il Lunedì, 19 Marzo 2018 00:43

Twitter

TurismoLett Oggi è il #BurnsDay! E questo è il museo a lui dedicato nel paese natale, #Alloway, in #Scozia! #burnssupperhttps://t.co/F0eg7XTiAF
TurismoLett 📚 Conoscete Foyles, storica libreria londinese nonché una delle più grandi della città?? Fondata nel 1903, questa… https://t.co/DJ3BjRDawF

Cerca


Ultimi articoli dal blog

In Irlanda del Nord, nella terra di Seamus Heaney. Il museo letterario dedicato al poeta

di A.M. Quando si aprono le porte dell'autobus, scendendo alla fermata di Bellaghy, arriva subito una zaffata pungente,...Read More

Roma, il fascino delle contraddizioni. La città nelle parole degli scrittori

di Frasicelebri.it Roma, città eterna. Visitarla risveglia spesso sentimenti contrastanti, tra l’incanto della storia e...Read More

Facebook LikeBox