c8e8a390b130aff90998a34cea127459.jpg
ca18ec6f0a3b9426c99d8e96482c8752.jpg
  • Itinerari
  • Città
  • Autori
  • LUOGHI
tl

St. Pancras Old Church, Londra

on 30/07/2017
St. Pancras Old Church, Londra Foto: "St Pancras Old Church" di Paul Hudson, su Flickr - https://flic.kr/p/cn1rqQ

Indirizzo: Pancras Road, Camden Town, Londra

Mary e Percy Bysshe Shelley

Nel cimitero della St. Pancras Old Church erano sepolti infatti i genitori di Mary, William Godwin e Mary Wollstonecraft. Mary aveva inoltre espresso il desiderio di essere sepolta assieme a loro, ma al figlio di lei, Percy Florence, e alla moglie Jane non piaceva il cimitero decadente di St. Pancras, così fecero seppellire i resti mortali della madre nel cimitero della chiesa di St Peter a Bournemouth, vicino alla loro residenza di Boscombe. In seguito, nel 1851, fecero anche traslare le salme dei nonni per rispettare il desiderio della madre di essere sepolta accanto a loro. Così oggi a Bournemouth riposano nella stessa tomba le spoglie di Mary Shelley, dei suoi genitori William Godwin e Mary Wollstonecraft, di suo figlio Percy e di sua nuora Jane e il cuore del marito, Percy Bysshe Shelley, morto in un naufragio in Italia.
Nel cimitero di St. Pancras rimane comunque una lapide che commemora William Godwin e Mary Wollstonecraft.
Un quadro realizzato nel 1877 dal pittore inglese William Powell Frith e intitolato "The lover's seat: Shelley and Mary Godwin in Old St. Pancras churchyard" (olio su tela, 52x39 cm, collezione privata) immagina l'incontro tra i due scrittori in questo luogo. 

The Hardy Tree

Nel cimitero si trova anche un albero particolare, chiamato "Hardy Tree", che è circondato da centinaia di vecchie lapidi, allineate e accatastate l'una sopra l'altra.
Quando nel 1865 si dovette costruire un nuovo binario ferroviario per l'ormai scomparsa società Midland Railway, molti resti furono inumati e sepolti in un altro luogo. Il lavoro fu affidato all'architetto Arthur Blomfield, che aveva lo studio in Covent Garden, il quale lo passò a un suo giovane sottoposto, l'architetto Thomas Hardy, proprio quello che qualche anno dopo sarebbe diventato famosissimo per i romanzi Tess dei D'Urberville e Via dalla pazza folla. Il futuro scrittore si trovò a dover decidere di che fare delle lapidi rimosse. Furono così disposte tutte intorno a un albero del cimitero, formando una curiosissima installazione che col tempo è andata ricoprendosi di muschi.

Charles Dickens

In Racconto di due città questo cimitero è menzionato come luogo in cui venivano disseppelliti i corpi poi usati per le scuole di medicina, una pratica comune all'epoca.

Ultima modifica il Lunedì, 07 Agosto 2017 14:20

Twitter

TurismoLett In Versilia con "Chi manda le onde": recensione di @AleChiappori https://t.co/4NUqbzvfsf #libri @Librimondadorihttps://t.co/hR0MkNibGB
TurismoLett RT @parcocarducci: Vi aspettiamo domenica 22 ottobre a #Castagnetocarducci per la III° GIORNATA NAZIONALE DE I Parchi Letterari @parchilett

Cerca


Ultimi articoli dal blog

La casa di Anna dai capelli rossi: dalla finzione alla realtà!

di Denise Carulli Il seguente articolo, concesso dall'autrice, è stato già pubblicato su Habitissimo.it a questo...Read More

Leggere prima di partire per... la Versilia. "Chi manda le onde" di Fabio Genovesi

di Alessandra Chiappori Storie di mare in Versilia Le onde del mare lasciano sorprese sulla battigia: conchiglie, ossi di...Read More

Facebook LikeBox