c8e8a390b130aff90998a34cea127459.jpg
ca18ec6f0a3b9426c99d8e96482c8752.jpg
  • Itinerari
  • Città
  • Autori
  • LUOGHI
tl

I caffè letterari di Trieste

on 05/04/2015

I caffè letterari di Trieste

 

Caffè Garibaldi

Autori correlati: Umberto Saba, Giani Stuparich, Pierantonio Quarantotti Gambini
All'epoca di Saba questo caffè si chiamava "Caffè Municipio" e si trovava in piazza Grande (oggi piazza Unità d'Italia). Il poeta Umberto Saba lo frequentava spesso e qui si incontrava con Silvio Benco, uno scrittore e giornalista de "Il Piccolo".
Anche Giani Stuparich parla del locale nelle pagine di Trieste nei miei ricordi ("Quel tavolo del Caffè Garibaldi, sotto il municipio, tra le sette e le nove di sera degli anni che seguirono all'altra guerra è passato alla storia. Trieste non ebbe forse mai un affiatamento di spiriti così vasto."), ricordando tra i clienti abituali altri nomi noti come James Joyce, Italo Svevo, Virgilio Giotti.
Anche Quarantotti Gambini descrive il caffè nella sua opera Luce di Trieste: "Ancora ragazzetto, intorno al 1924-25, ogni qual volta mi avveniva di passare di sera davanti ai cristalli del Caffè Garibaldi, non riuscivo a fare a meno di gettare un'occhiata nell'ultima saletta, a destra, dove, sotto il grande e bel ritratto di Garibaldi in piedi e in camicia rossa, vedevo radunati alcuni signori".
Indirizzo: piazza Unità d'Italia 5 (già Piazza Grande), Trieste

 

Caffè Latteria da Walter

Autori correlati: Umberto Saba
Questo locale storico, aperto sin dai primi del Novecento, era spesso frequentato da Umberto Saba che lavorava nella libreria antiquaria proprio di fronte, la stessa che oggi porta il suo nome.
Indirizzo: via San Nicolò 31, Trieste

 

Caffè Stella Polare

Autori correlati: James Joyce
Il Caffè "Stella Polare", frequentato da intellettuali e commercianti triestini e stranieri, risale al 1865: il primo stabile nel quale si trovava fu però demolito e il locale trasferito nella sua attuale posizione.
Originariamente era arredato secondo la foggia dei locali austro-ungarici, ovvero con specchi e decorazioni di stucchi. James Joyce era solito frequentare il locale tra il 1907 e il 1908: testimonianza è il diario del fratello Stanislaus che ricorda il fratello in questo caffè, mentre gli leggeva racconti e brani tratti da Portrait of the Artist as a Young Man.
Indirizzo: Via Dante Alighieri 14 (già via Sant'Antonio), Trieste

 

Caffè San Marco

Autori correlati: James Joyce, Claudio Magris
James Joyce, durante il periodo di residenza in via Scussa frequentava il locale nel quale si recava spesso anche il fratello Stanislaus che qui si ritrova con alcuni intellettuali triestini e irredentisti, frequentazioni che lo porteranno all'arresto e a quattro anni di internamento a Katzenau, in Austria.
In tempi più recenti anche lo scrittore Claudio Magris, avventore del locale, ne scrive in Microcosmi: "Il San Marco è un vero Caffè, periferia della storia contrassegnata dalla fedeltà conservatrice e dal pluralismo liberale dei suoi frequentatori".
Indirizzo: Via Cesare Battisti 18, Trieste
sito

 

Caffè degli Specchi

A dare il nome al locale sono i numerosi specchi che originariamente erano affissi alle pareti di cui oggi ne rimangono solo pochi esemplari, alcuni ancora esposti nel locale.
Il Caffè venne inaugurato nel 1839 in quella che all'epoca era Piazza Grande (oggi Piazza Unità d'Italia), al pianterreno di Palazzo Stratti. Pochi anni dopo fu costretto a chiudere per problemi di carattere finanziario, quando l'intero palazzo fu ceduto da Niccolò Stratti alle Assicurazioni Generali, e fu riaperto nel 1846 dal greco Nicolò Privolo. Da Privolo passò nelle mani di Antonio Cesareo (già proprietario del Caffè Stella Polare) e Vincenzo Carmelich nel 1884 che apportarono alcune migliorie come l'introduzione della corrente elettrica. Durante la Seconda Guerra Mondiale fu utilizzato dall'esercito come alloggio e magazzino e dal 1945 divenne il quartier generale della marina britannica e, fino al 1954, l'accesso ai triestini fu consentito solo se accompagnati da un militare britannico. fonte14x14
Indirizzo: Piazza Unità d'Italia 7, Trieste
sito

 

Pasticceria "Pirona"

Autori correlati: James Joyce
La storia di questa pasticceria risale al 1900, quando fu fondata da Alberto Pirona. Era frequentata da letterati e scrittori, tra cui lo stesso Joyce che per due anni, dal 1910 al 1912, visse quasi di fronte, nella stessa via al numero 32 (oggi via Oriani 2, sopra la Farmacia Picciòla).
Dalla fine degli anni '80 non appartiene più alla famiglia Pirona, ma la nuova gestione ha mantenuto intatta la tradizione, tra cui il tipico dolce “presnitz”, un morbido tortiglione di pasta sfoglia ripieno di frutta secca che Joyce amava particolarmente.
Indirizzo: Largo della Barriera Vecchia 12, Trieste

 

   

 

 

 

Caffè Tommaseo

Autori correlati: Umberto Saba
Il caffè fu fondato dal padovano Tomaso Marcato nel 1830 e all'epoca prendeva il nome del proprietario, "Caffè Tomaso". Il locale fu decorato dal pittore Giuseppe Gatteri con alcune specchiere provenienti dal Belgio e Marcato introdusse per la prima volta in città il gelato. Il locale rinominato nel 1848, onore dello scrittore e patriota italiano Niccolò Tommaseo e una targa oggi ricorda la centralità di questo luogo per la nascita del movimento irredentista: "Da questo Caffè Tommaseo, nel 1848, centro del movimento nazionale, si diffuse la fiamma degli entusiasmi per la libertà italiana".
Quando nel 1858 fu ucciso dagli austriaci il patriota Gugliemo Oberdan, esponente dell'irredentismo italiano, il caffè fu costretto a riacquisire il nome originario, ma tornò a chiamarsi "Caffè Tommaseo" quando nel 1918 Trieste fu ufficialmente annessa all'Italia.
Negli anni questo luogo è stato frequentato da numerosi intellettuali come Joyce, Svevo, Stuparich e altri; Saba parla del suo buonissimo gelato al pistacchio in una lettera a Nora Baldi del 21 dicembre 1953.
Indirizzo: Piazza Nicolò Tommaseo 4c, Trieste
sito

 

Caffè Tergesteo

Autori correlati: Umberto Saba
Nato nel 1863 e sito oggi all'interno della Galleria Tergesteo (che quando aprì il caffè ancora non esisteva), a pochi passi dal Teatro Verdi, è caratterizzato dalle vetrate che raffigurano alcuni momenti storici della città di Trieste. Purtroppo a causa dei lavori di ristrutturazione, ha perso quasi completamente la sua atmosfera originaria. Il poeta Umberto Saba, avventore del locale, gli dedicò una poesia pubblicata nella raccolta Canzoniere:
"Caffè Tergeste, ai tuoi tavoli bianchi
ripete l'ubbriaco il suo delirio;
ed io ci scrivo i miei più allegri canti."
Indirizzo: Piazza della Borsa 15, Trieste

 

Caffè Fabris

Autori correlati: Italo Svevo
Dove oggi si trova il ristorante Ex Galleria Fabris, un tempo era sito il Caffè Fabris, menzionato in Senilità, frequentato da Svevo e altri intellettuali. Aperto nel 1857, fu uno dei primi esercizi commerciali dotato di telefono.
Indirizzo: Via Caserma 9 (oggi piazza Dalmazia 4), Trieste

 

Ultima modifica il Martedì, 07 Aprile 2015 00:18

Twitter

TurismoLett @CRobbiano @CasaLettori Ottimo libro! Ricco di spunti per delle belle passeggiate letterarie a Trieste! 😍
TurismoLett @CRobbiano @Rizzoli_Lizard Bellissima... il portone è quasi sempre chiuso ma se riuscite a farvi aprire sembrerà di… https://t.co/stic7rNow8

Cerca


Ultimi articoli dal blog

Un café avec l'auteur. 5 caffè letterari di Parigi

Cosa sarebbe Parigi senza i suoi caffè? L'usanza di sedersi a sorseggiare una bevanda e guardare il viavai di passanti è...Read More

"El niño del balcón. La Barcellona di Manuel Vázquez Montalbán": intervista all'autore Giuliano Malatesta

 Il libro Titolo: El niño del balcón. La Barcellona di Manuel Vázquez Montalbán Autore: Giuliano Malatesta Editore:...Read More

Facebook LikeBox