c8e8a390b130aff90998a34cea127459.jpg
ca18ec6f0a3b9426c99d8e96482c8752.jpg
  • Itinerari
  • Città
  • Autori
  • LUOGHI
tl

Museo joyciano-sveviano e petrarchesco-piccolomineo, Trieste

on 04/04/2015
Museo joyciano-sveviano e petrarchesco-piccolomineo, Trieste ©turismoletterario.com

 

Indirizzo: II piano, Via Madonna del Mare 13, Trieste
gratis  orario  sito

All'interno della Biblioteca civica "Attilio Hortis" di Trieste sono stati allestiti alcuni spazi dedicati agli scrittori che hanno avuto un legame con la città: nascono così il Museo joyciano e il Museo sveviano. Ad essi va ad aggiungersi il Museo petrarchesco-piccolomineo, uno spazio dedicato a libri antichi a stampa e opere d’arte relative a Francesco Petrarca ed Enea Silvio Piccolomini.

   

 

Museo joyciano

Il museo nasce nel 2004 e racconta il legame tra James Joyce e Trieste. Inoltre ogni anno, nel Bloomsday, il 16 giugno, organizza eventi per celebrare lo scrittore irlandese e il suo romanzo più famoso, l'Ulysses. Al suo interno potete trovare delle lettere autografe, alcuni libri appartenuti allo scrittore, un video e del materiale per approfondire la vita di Joyce a Trieste.

sito

Museo sveviano

 Il museo è stato inaugurato il 19 dicembre 1997 (nel giorno della nascita di Svevo) ed è stato costituito grazie alla donazione della figlia dello scrittore Letizia Svevo Fonda Savio.
Vi sono conservati molti oggetti, dal mobile-libreria che compare anche in alcune foto dello scrittore, il suo violino, la penna d'oro che la futura moglie Livia gli regala per il fidanzamento, alcune carte e libri di sua proprietà preziosamente annotati.
Purtroppo molti beni appartenuti a Svevo sono andati distrutti a seguito del bombardamento aereo della città, il 20 febbraio 1945 che distrusse la casa dei Veneziani, la famiglia della moglie dello scrittore, dove vivevano.

sito

Museo petrarchesco-piccolomineo

Il museo si basa sulla collezione di Domenico Rossetti de' Scander, avvocato e membro dell’Accademia d’Arcadia tergestina, il quale possedeva una biblioteca molto vasta comprendente anche libri e opere d’arte relative a Francesco Petrarca ed Enea Silvio Piccolomini (papa Pio II dal 1458).
Alla morte di Rossetti nel 1842, la Biblioteca Civica ereditò il suo patrimonio dedicandogli una sala per la conservazione fin dal 1847. Oggi la sala è a disposizione sia di studiosi che visitatori e vi vengono organizzate mostre espositive temporanee.

sito

 

 

Ultima modifica il Lunedì, 06 Giugno 2016 00:14

Twitter

TurismoLett In Versilia con "Chi manda le onde": recensione di @AleChiappori https://t.co/4NUqbzvfsf #libri @Librimondadorihttps://t.co/hR0MkNibGB
TurismoLett RT @parcocarducci: Vi aspettiamo domenica 22 ottobre a #Castagnetocarducci per la III° GIORNATA NAZIONALE DE I Parchi Letterari @parchilett

Cerca


Ultimi articoli dal blog

La casa di Anna dai capelli rossi: dalla finzione alla realtà!

di Denise Carulli Il seguente articolo, concesso dall'autrice, è stato già pubblicato su Habitissimo.it a questo...Read More

Leggere prima di partire per... la Versilia. "Chi manda le onde" di Fabio Genovesi

di Alessandra Chiappori Storie di mare in Versilia Le onde del mare lasciano sorprese sulla battigia: conchiglie, ossi di...Read More

Facebook LikeBox