c8e8a390b130aff90998a34cea127459.jpg
ca18ec6f0a3b9426c99d8e96482c8752.jpg
  • Itinerari
  • Città
  • Autori
  • LUOGHI
tl

Breve biografia

Karen Blixen, pseudonimo di Karen Christentze Dinesen, nasce a Rungsted il 17 aprile 1885. La sua opera più famosa è La mia Africa, diario della sua esperienza in Kenya dal 1913 al 1931.
Figlia di un ricco proprietario terriero, ha la possibilità di studiare e viaggiare in varie città europee, tra cui Parigi e Roma. Inizia a pubblicare dei racconti a partire dal 1907, usando uno pseudonimo (in questo caso, "Osceola"), come farà altre volte nel corso della vita.
Nel dicembre 1913 parte per l'Africa con il cugino Bror von Blixen-Finecke, un barone svedese che sposerà l'anno successivo a Mombasa, ma dal quale divorzierà nel 1921.
In Africa acquistano una piantagione di caffè e Karen si dedica con entusiasmo e passione alla nuova attività, che proseguirà anche dopo il divorzio. In questi anni conosce Denys Finch Hatton, aristocratico inglese di cui si innamora e col quale avrà una relazione, che morirà in un incidente aereo con il suo biplano Gipsy Moth a Voi il 14 maggio 1931.  La storia con Finch Hatton è ampiamente narrata nel romanzo autobiografico La mia Africa, che la Blixen pubblicherà nel 1937 con lo pseudonimo di Isak Dinesen.
Nel 1931 è costretta ad abbandonare la fattoria per motivi economici: tornerà in Danimarca, nella sua casa natale a Rungsted, vicino Copenhagen, dove si dedicherà alla sua attività di scrittrice. Nel 1934 esce una raccolta di racconti scritti in inglese dal titolo Sette storie gotiche e tre anni dopo il suo capolavoro, il già citato La mia Africa (Den africanske Farm). Tra le opere successive si ricordano Ombre sull'erba (Skygger paa Græsset, 1960), Racconti d'inverno (Vinter-Eventyr, 1942) e Capricci del destino (1966), che contiene il racconto Il pranzo di Babette scritto nel 1952 (Babettes gæstebud) e da cui nel 1987 è stato tratto l'omonimo film che ha vinto il Premio Oscar come miglior film straniero. Anche dal romanzo La mia Africa è stato tratto un film nel 1985 per la regia di Sydney Pollack, vincitore di 7 Premi Oscar.
Karen Blixen muore nel 1962 nella sua casa di Rungsted.

I luoghi di Karen Blixen

 

Denmark Rungsted, Danimarca

Casa natale, oggi "The Karen Blixen Museum"

 

Kenya Langata, Nairobi, Kenya

Karen Blixen Museum

Quello che oggi è il Karen Blixen Museum era un tempo la fattoria appartenuta alla scrittrice e al marito, il barone Bror von Blixen Flincke. Il museo si trova a 10 chilometri da Nairobi e fa parte dei musei nazionali del Kenya.
Karen Blixen e il marito acquistarono la fattoria nel 1917, costruita nel 1912 dall'architetto svedese Ake Sjogren e costituita da circa 2500 ettari di terreno, per farne una piantagione di caffè, dove la scrittrice visse fino al suo ritorno in Danimarca nel 1931. Il periodo vissuto in Africa è ampiamente narrato nel suo libro autobiografico La mia Africa, da cui nel 1985 è stato tratto l'omonimo film, girato appunto in questa struttura che l'anno successivo è stata acquisita dall'ente nazionale museale del Kenya per farne un museo.
Indirizzo: Karen Road, Langata, Nairobi, Kenya
sito Sitohttp://www.museums.or.ke/
a-pagamento Ingresso a pagamento,
orario Orari di apertura: Aperto tutti i giorni, anche festivi, dalle 9.30 alle 18.
mappa

Tomba di Denys Finch Hatton

La tomba di Denys Finch Hatton, amato da Karen Blixen di cui tanto scrive nel suo La mia Africa e interpretato da Robert Redford nella trasposizione cinematografica del 1985, si trova un po' fuori dai percorsi battuti, sulle colline Ngong, per cui è consigliato avventurarsi con un tour guidato.
Sul luogo, circondato da una siepe che dà l'impressione di entrare in un giardino segreto, si trova un obelisco, fatto erigere dal fratello, dove una lastra lo ricorda così: "Denys George Finch Hatton, 1887 - 1931 «He prayeth well who loveth well / Both man and bird and beast»". Gli ultimi versi sono una citazione da La ballata del vecchio marinaio di Samuel Taylor Coleridge, un'opera che Finch Hatton apprezzava molto.
Da notare che, nella trasposizione cinematografica del 1985, il luogo dove viene sepolto Finch Hatton non corrisponde con quello reale, ma si trova nella riserva naturale del Masai Mara.
Indirizzo: Colline Ngong (lato orientale) , Kenya.
a-pagamento Ingresso a pagamento.
mappa 

 

United Kingdom Windsor, Regno Unito

Denys Finch Hatton Memorial Bridge

Nel terzo capitolo di La mia Africa, Karen Blixen parla di un ponte dedicato a Finch Hatton presso l'Eton College, eretto dai suoi vecchi compagni vicino al campo di cricket, scuola che aveva frequentato dal 1900 al 1906 ottenendo risultati brillanti nello sport e nella musica.
In England there is also a monument to Denys. His old schoolfellows, in memory of him, built a stone bridge over a small stream between two fields at Eton. On one of the balustrades is inscribed his name, and the dates of his stay at Eton, and on the other the words: “Famous in these fields and by his many friends much beloved.” (tratto da Out of Africa, Chapter 3)
Indirizzo: Denys Finch Hatton Bridge, Pococoks Lane, Windsor, Berkshire, Regno Unito
mappa

Ultima modifica il Sabato, 15 Aprile 2017 15:37
Altro in questa categoria: « Jane Austen Ludovico Ariosto »

Cerca


Ultimi articoli dal blog

Un attore sotto la luce della Lanterna: Gilberto Govi e il teatro dialettale genovese

di Ilaria Bo Anche il teatro è letteratura. Il teatro è tale in quanto la messa in scena di uno spettacolo dipende...Read More

E quest'estate cosa leggo?

Stavolta il tema non era tra i più facili: libri belli ambientati in Italia e legati a località di mare, in cui i luoghi...Read More

Facebook LikeBox