c8e8a390b130aff90998a34cea127459.jpg
ca18ec6f0a3b9426c99d8e96482c8752.jpg
  • Itinerari
  • Città
  • Autori
  • LUOGHI
  • L'Aquila

     

    Autori correlati Carlo Emilio Gadda Sallustio Statua commemorat...

    Read more

  • Siviglia

    La città andalusa fa da sfondo alle storia di Don Juan, ovvero Don Giovanni, un personaggi...

    Read more

  • Key West
     
    Key West, col suo clima piacevole e l'atmosfera rilassata, ha attirato numerosi arti...

    Read more

  • Pisa
      

    Autori correlati  
    Dante Alighieri George Byron Giosuè Ca...

    Read more

  • Tokyo


    Autori correlati Osamu Dazai Tomba nel tempio Zenrin-ji Hichiyō Higuchi I...

    Read more

  • Vicenza


    Vicenza si affermò come municipio romano per poi passare sotto il dominio longobardo...

    Read more

  • Stoccolma


    Autori correlati Stieg Larsson Casa di Mikael Blomkvist Il personaggio principale...

    Read more

  • Ravenna
    Nata in età preromana, si sviluppa grazie alle infrastrutture fluviali e portuali sotto l'Impero rom...

    Read more

  • Milano
    Il primo nucleo dove oggi sorge la moderna città è attestato al V secolo a.C. Popolata dagli insubri...

    Read more

  • Roma


    Autori correlati  
    Sibilla Aleramo Tomba nel Cimitero del Verano ...

    Read more

tl

Elizabeth Barrett Browning

on 06/07/2013
Elizabeth Barrett Browning By T. O. Barlow, Macaire Havre. [Public domain], via Wikimedia Commons

Breve biografia

Elizabeth Barrett Browning nasce a Durham, Inghilterra, nel 1806. Figlia di un ricco proprietario terriero di piantagioni in Giamaica,  sin dall'infanzia riceve un'accurata educazione, leggendo classici come Milton, Shakespeare e Dante. Molto presto inizia ad avere gravi problemi di salute che costringeranno al letto per diversi anni; il male non fu mai ben diagnosticato: alcuni hanno ipotizzato che siano state le complicanze a seguito di una caduta da cavallo. Elizabeth fu curata con laudano e morfina per alleviare il dolore, ma ciò la rese dipendente da queste sostanze per molti anni.
Nel 1838 la famiglia Barrett si stabilisce a Londra. Qui Elizabeth pubblica la raccolta di poesie The Seraphim and Other Poems che la rendono molto popolare, ricevendo apprezzamenti da parte di illustri poeti tra cui Robert Browning, che le scrive e riesce ad ottenere un incontro privato con lei, segregata nella sua stanza a causa dei suoi pregressi problemi di salute. Con Robert Browning è colpo di fulmine: decidono di sposarsi in segreto nella chiesa di St. Marylebone Parish il 12 settembre 1846 e partono alla volta dell'Italia. Dopo aver cambiato diverse residenze in Toscana, si stabiliscono definitivamente a Firenze in Piazza San Felice, a pochi passi da Palazzo Pitti. Qui hanno un figlio, Pen, e seguono con interesse e trasporto gli eventi legati al Risorgimento italiano. Elizabeth pubblica altre raccolte poetiche: Sonnets from Portuguese (1850), Casa Guidi Windows (1851), Aurora Leigh (1856) e Poems before Congress (1860). Muore a Firenze nel 1861, all'età di 54 anni, e viene sepolta al Cimitero degli Inglesi.

I luoghi di Elizabeth Barrett Browning

United Kingdom Londra

Targa commemorativa sull'edificio in cui visse

La targa, di colore nero, recita: "Elizabeth Barrett Browning (1806-1861) poet lived here".
Indirizzo: 99 Gloucester Place, Londra

Casa londinese della famiglia Barrett

Elizabeth visse con la famiglia a Londra fino alla fuga con Robert Browning nel 1846. Qui due targhe la ricordano: quella più recente, posta in alto, recita: "Elizabeth Barrett Barrett, poetess, afterwards wife of Robert Browning, lived here, 1838 - 1846". Quella più in basso invece recita: "Elizabeth Barrett Browning /  1806-1861 / Poet / Lived in a house / on this site /1858-1846".
Indirizzo: 50 Wimpole Street, Londra

 

Chiesa St. Marylebone Parish

Qui Elizabeth Barrett e Robert Browning si sposarono in segreto il 12 settembre 1846 alla presenza della fedele governante di Elizabeth, Elizabeth Wilson, e del cugino di Robert, James Silverthorne.
Indirizzo: 17 Marylebone Road, Londra

Targa commemorativa nell'Abbazia di Westminster

 

United Kingdom Ledbury, Herefordshire

Barrett Browning Institute

Il Barrett Browning Institute aprì il 16 gennaio 1896 (alla cerimonia di apertura presenziò lo scrittore Henry Rider Haggard, autore del ciclo di Allan Quatermain) per celebrare la poetessa che trascorse gran parte della sua giovinezza presso la villa Hope End, nel distretto di Ledbury. Al padre Edward Moulton Barrett è stato dedicato un memoriale all'interno della chiesa di Ledbury.
L'istituto si trova all'interno di una torre con orologio progettata dall'architetto Brightwen Binyon. Oltre a svolgere la funzione di biblioteca pubblica, al suo interno sono raccolti una serie di opere della poetessa e altro materiale biografico.
Indirizzo: Bye Street, Ledbury, Herefordshire

Hope End

Hope End era la villa in cui Elizabeth visse con la famiglia dal 1809 al 1823. Edward Moulton-Barrett, padre della poetessa, acquistò la villa nel 1809 da Sir Henry Vane Tempest e fece apportare importanti modifiche alla struttura preesistente: i lavori furono progettati e seguiti dall'architetto  J.C. Loudon. All'epoca la villa aveva un enorme e pittoresco giardino. Quando i Barrett ebbero un tracollo finanziario, decisero di vendere la villa per trasferirsi altrove. Nel 1867 l'edificio fu demolito e in gran parte ricostruito tanto che del luogo in cui Elizabeth trascorse la sua infanzia non rimane che il paesaggio intorno, fonte di ispirazione per la poesia The Lost Bower:

[...] Dimpled close with hill and valley
Dappled very close with shade
Summer snow of apple blossom
Running up from glade to glade
Hills draw like heaven
And stronger sometimes, holding out their hands [...]

Indirizzo: Hope End, Welllington Heath, Ledbury, Herefordshire.

 

Italy Firenze

Casa di Elizabeth e Robert Browning

Tomba di Elizabeth Barrett Browning

 

Italy Vallombrosa, Firenze

Abbazia di Vallobrosa

 

Italy Roma 

Targa commemorativa sull'edificio in cui ha soggiornato

La targa, posta nel centenario della nascita di Robert Browning, il 7 maggio 1922, recita: "Questa casa ospitò / Roberto e Elisabetta Browning / che l'Italia ebbero patria ideale / e in carmi imperituri / ne profetarono i nuovi destini --- Compiendosi il primo centenario / dalla nascita del poeta / il Municipio di Roma / pose / VII maggio MCMXII -- «Le sue memorie eterne / attestano che l'Italia è immortale» / E. Barrett Browning --- «Aprendo il mio cuore / vi troverete inciso Italia» / R. Browning"

Indirizzo: Via Bocca di Leone 41, Roma 

 

Ultima modifica il Sabato, 09 Settembre 2017 16:09

Twitter

TurismoLett 🏠 Parlando ancora di case di scrittori... Questa stanza, si vede, è chiaramente ricostruita, ma abbastanza fedelmen… https://t.co/tCZyJBGTuD
TurismoLett 🌺Per il primo #Dantedi si va alla ricerca delle tracce di #Dante nella #Firenze di oggi! 📚 Il video al link:… https://t.co/vJRqvsqEhT

Cerca


Ultimi articoli dal blog

Da villa a Vittoriale: la monumentale dimora di D'Annunzio a Gardone Riviera

Avete mai fatto un trasloco? L'entusiasmo effervescente che si prova nell'entrare in una casa nuova, tutta vostra, tutta da...Read More

Recensione. "La Londra di Sherlock Holmes" di Enrico Franceschini

Qual è il segreto del successo di Sherlock Holmes? Il suo fascino sta forse nella sua aura di inafferrabilità? Così...Read More

Facebook LikeBox