c8e8a390b130aff90998a34cea127459.jpg
ca18ec6f0a3b9426c99d8e96482c8752.jpg
  • Itinerari
  • Città
  • Autori
  • LUOGHI
tl

autori-correlati-75px articoli-sul-blog-75px

 

Autori correlati

 

Gabriele D'Annunzio

Targa commemorativa con riferimento alla "Beffa di Buccari"

Sulle scale che scendono verso il mercato del pesce c'è una targa commemorativa che fa riferimento alla tradizione olearia della città. Il testo menziona Gabriele d'Annunzio e la "Beffa di Buccari". La salma d'olio a cui fa riferimento era un'antica unità di misura che corrispondeva a 160 chilogrammi di olio. 
La lunga iscrizione recita: "In questo sito furono le pile regie / di questo marmo formate / e contarono tante salme d'olio / quante sono le stelle in firmamento / di esse parlano i secoli / della storia municipale di Gallipoli / donde il sei dicembre scoccava / echeggiando ogni anno per il mondo / la "voce degli olii" / e con le bandiere di tutte le nazioni / ne ridondava l'oro metallico / al cambio dell'oro liquido. / Per esse fu qui nel 1740 / il secondo consolato del mare nel reame / per esse fu qui dettato nel 1743 / il primo documento sindacale / scolpito in lastre marmoree custodite nel museo. / Ricordiamole come le ricordò / Gabriele D'Annunzio ne "la Beffa di Buccari" / dove Umberto Biancamano di Gallipoli / che fu uno dei "trenta in una sorte" / fu somigliato al "Gabelliere dall'asta di bronzo" per la misura dell'olio d'oro lieve / dalle posture scolpite nella roccia / portato alle pile regie della bianca Gallipoli -- Iscrizione apposta nel 1932, ed oggi 27 settembre 2014 ripristinata con il patrocinio dell'Amministrazione comunale a cura e spese dell'Associazione Gallipoli Nostra".
Indirizzo: Mercato del pesce (in prossimità delle scale), Gallipoli (LE)


Mario Praz

Targa commemorativa

La targa cita uno scritto di Mario Praz che elogia la bellezza di questo cortile neoclassico. L'iscrizione recita: «Sir Antony Blunt e l'architetto John Harris / (di solito son gli stranieri a scoprire queste cose) / mi rilevarono a Gallipoli uno stupefacente cortile / neoclassico in un vicolo: una loggia formata da / quattro colonne doriche senza base come quella di / rue des Colonnes a Parigi, ma di proporzioni / massicce, sopra una galleria dalle aperture scandite / da lesene scanalate: a questo solenne prospetto / mena una doppia scalea. Tutto questo in una / piccola città; direi addirittura un paese. / all'estremo limite d'Italia».
Mario Praz 1969 -- Angelo e Giovanni Maria Arcangelo Carcano posero a.D. 2008"
Indirizzo: via Fontò 5, Gallipoli (LE)

 

Ultima modifica il Sabato, 09 Dicembre 2017 00:47

Articoli correlati (da tag)

Altro in questa categoria: « Asti Arezzo »

Twitter

TurismoLett Oggi è il #BurnsDay! E questo è il museo a lui dedicato nel paese natale, #Alloway, in #Scozia! #burnssupperhttps://t.co/F0eg7XTiAF
TurismoLett 📚 Conoscete Foyles, storica libreria londinese nonché una delle più grandi della città?? Fondata nel 1903, questa… https://t.co/DJ3BjRDawF

Cerca


Ultimi articoli dal blog

Arquà e i Colli Euganei: sulle tracce di Francesco Petrarca

di A.M. C'è un paesino dove la vita scorre tranquilla e il tempo sembra essersi fermato. Si snoda tra vicoli ordinati e tralci...Read More

Li chiamavano "anglobeceri": inglesi e americani a Firenze tra Otto e Novecento

di A.M. Erano una comunità numerosa e parlavano un buffo toscano con accento anglosassone tanto che i fiorentini, con la loro...Read More

Facebook LikeBox