c8e8a390b130aff90998a34cea127459.jpg
ca18ec6f0a3b9426c99d8e96482c8752.jpg
  • Itinerari
  • Città
  • Autori
  • LUOGHI
tl
Genova "boccadasse, genova" di Perrimoon, su Flickr (Licenza CC)

autori-correlati-75px

Autori correlati

 

George Byron


Giorgio Caproni

Targa commemorativa

La targa commemorativa cita i primi versi della poesia L'ascensore facendo riferimento all'impianto di risalita sito in Piazza Portello a Genova. L'iscrizione recita: "Quando mi sarò deciso / d'andarci, in paradiso / ci andrò con l'ascensore / di Castelletto - Giorgio Caproni".
Indirizzo: piazza Portello (ingresso Ascensore di Castelletto Levante), Genova


Eugenio Montale


Fernanda Pivano

Tomba nel cimitero monumentale di Staglieno


Edoardo Sanguineti

Tomba nel cimitero monumentale di Staglieno


Paul Valéry

Palazzo Montanaro

Alla fine dell'Ottocento Paul Valéry soggiornò a Palazzo Montanaro (che per questo motivo è detto anche Casa Valery), ospitato dalla zia materna, Vittoria Grassi.
La notte tra il 4 e il 15 ottobre 1892, mentre fuori imperversava un violento temporale, ebbe una crisi esistenziale che in seguito chiamò "la notte di Genova" ("nuit de Gênes"), un evento che lo portò ad allontanarsi dalla poesia per un lungo periodo. Nei Cahiers ("Quaderni") scrisse: "Temporale spaventoso questa notte. L’ho passata seduto sul mio letto. Abbagliante per ogni lampo, tutto il mio destino si giocava nella mia testa. Tra me e me ho sofferto enormemente. Ma io voglio disprezzare tutto ciò che passa dentro le tempie. Stato insopportabile. Stato critico. Stato di trasformazione. Può essere effetto di questa tensione e di questi scoppi improvvisi”.
Palazzo Montanaro sorge nel punto in cui si trovava il Convento di San Francesco e, accanto ad esso, la Chiesa di San Francesco, distrutta in epoca napoleonica.
I Montanaro erano una famiglia di commercianti nel settore dei tessuti. Alla fine dell'Ottocento avevano affittato il palazzo a Gaetano Cabella, un ambasciatore, e a sua moglie Vittoria Grassi, zia del poeta (era sorella della madre, Fanny Grassi).
Sulla facciata esterna dell'edificio si trova una targa commemorativa che recita: "In questa casa, nel corso della / tempestosa notte / del 5 ottobre 1892 / Paul Valéry / figlio di madre genovese, visse la sua più drammatica / vicenda interiore / che doveva perennemente / legarlo al nome di Genova / attraverso l'illuminante / esperienza della / "Nuit de Genes" -- "Nuit effroyable... / passèe assis sur mon lit... / et tout mon sort / se jouait dans ma tête...".
L'attuale proprietaria, Maria Enrica Crosio, organizza visite guidate al palazzo (ulteriori informazioni a questo indirizzo).
Indirizzo: Salita San Francesco 7, Genova

 

Ultima modifica il Sabato, 17 Giugno 2017 22:07

Articoli correlati (da tag)

Altro in questa categoria: « Grenoble Lisbona »

Twitter

TurismoLett In Versilia con "Chi manda le onde": recensione di @AleChiappori https://t.co/4NUqbzvfsf #libri @Librimondadorihttps://t.co/hR0MkNibGB
TurismoLett RT @parcocarducci: Vi aspettiamo domenica 22 ottobre a #Castagnetocarducci per la III° GIORNATA NAZIONALE DE I Parchi Letterari @parchilett

Cerca


Ultimi articoli dal blog

Leggere prima di partire per... la Norvegia. "Il libro del mare" di Morten A. Strøksnes

di Alessandra Chiappori Morten A. Strøksnes è un giornalista e fotografo spesso impegnato in reportage letterari e saggistica...Read More

Un tuffo nel Salento letterario: luoghi, scrittori, letture e librerie

Il mare azzurro intenso e gli scogli frastagliati; la costa punteggiata da edifici bianchi che riflettono la luce abbagliante del...Read More

Facebook LikeBox