Vasco Pratolini nel centenario della nascita

 

Il 19 ottobre 1913 nasceva a Firenze in via dei Magazzini Vasco Pratolini.

Considerato uno degli scrittori più significativi della letteratura italiana del Novecento ed esponente del cosiddetto “neorealismo socialista“, nelle sue opere dipinge i tratti di una Firenze viva e umana, soprattutto attraverso la rappresentazione edificante e ottimista delle classi popolari.

San Frediano - Firenze di --Filippo--, su Flickr

La simpatia per l’evoluzione e le conquiste del proletariato si riscontra anche nelle sue opere principali, come Metello (1955), storia di lotte e conquiste operaie, e Cronache di poveri amanti (1947) vivida descrizione dell’ambiente sociale nelle strade popolari di Firenze.

Tra le sue opere più famose si ricordano inoltre Le ragazze di San Frediano (1948), un vivace ritratto dell’omonimo quartiere, e Lo scialo (1960), critica al degrado morale della borghesia durante il periodo fascista.

Per ricordare i 100 anni dalla nascita del suo celebre scrittore, Firenze ha organizzato varie iniziative, tra cui l’interessantissimo evento “Strade di carta. Sulle tracce di Vasco Pratolini nel centenario della sua nascita” organizzato dal circuito delle biblioteche fiorentine.

le strade di firenze di imagina (www.giuseppemoscato.com), su Flickroscato

Sul sito ufficiale (http://biblioteche.comune.firenze.it) è possibile scaricare il pdf con il programma degli eventi ed una utilissima mappa per ripercorrere a piedi i luoghi legati ai romanzi e alla vita di Pratolini. Inoltre, nelle biblioteche della città è possibile recuperare un piccolo libretto che, attraverso le citazioni tratte dalle sue opere, ci accompagnerà durante la passeggiata.

“I figli crescevano da soli nel quartiere di Santa Croce, con i padri “senza arte né parte”, le madri scarmigliate sulle soglie delle case, in una miseria tinta di decoro, nella quale tutti riuscivano a mangiare col vino e il companatico, in quell’appendice di San Frediano, percorsa da strade signorili e palazzi aviti, ch’era il Quartiere di Santa Croce nella Firenze 1921: anno del Centenario di Dante Alighieri.”

tratto da Il tappeto verde di Vasco Pratolini

Letture consigliate:

Commenti

commenti